Nella guerra contro l’Ucraina Putin ha reclutato alcoolizzati, criminali e senza tetto

AgenPress – Prigionieri, senzatetto e altri individui socialmente svantaggiati hanno costituito la maggior parte delle reclute militari nella città siberiana di Krasnoyarsk nell’ultimo anno. 

“Nell’ultimo anno i nostri soldati a contratto erano per lo più alcolizzati, senzatetto, derelitti, prigionieri e altri”, ha detto mercoledì il membro del consiglio comunale di  Krasnoyarsk  Vyacheslav Dyukov in una sessione televisiva.

Dyukov è un  membro del partito al potere, filo-Cremlino, Russia Unita, che sostiene all’unanimità le iniziative politiche del presidente Vladimir Putin, inclusa la sua decisione del 2022 di invadere l’Ucraina.

La caratterizzazione dei militari russi da parte di Dyukov è arrivata durante le discussioni sui numeri di reclutamento con il capo di uno dei sette distretti municipali di Krasnoyarsk, Yury Savchuk. 

Savchuk ha sostenuto che il suo distretto di Zheleznodorozhny, che vanta il  tasso di criminalità più basso di Krasnoyarsk, ha finora rispettato il piano di reclutamento di soldati a contratto di Mosca  per il 2024, nonostante il sindaco abbia affermato il contrario.

La Russia sta promuovendo una campagna di reclutamento militare nel tentativo di ricostituire il numero delle sue truppe in Ucraina, dove le sue forze combattono da quasi due anni.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu a dicembre si vantava del fatto che dall’inizio del 2023 erano stati arruolati 490.000 militari a contratto e volontari. Si  ritiene che circa 387.000 di loro siano soldati a contratto.

Le autorità federali si aspettano di trovare circa 400.000 persone in più per firmare contratti militari nel 2024,  hanno riferito fonti governative alla giornalista indipendente Farida Rustamova.

Si prevede che il piano di reclutamento di quest’anno sarà più impegnativo di quello precedente perché l’esercito ha esaurito il suo bacino di potenziali reclute.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie