Israele. Netanyahu, la pressione internazionale non ci fermerà. La guerra continuerà.

AgenPress – Mentre Israele si trova ad affrontare il controllo della Corte internazionale di giustizia e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha detto oggi alle forze israeliane presenti nella base Zikim del paese: “Nessuna pressione ci fermerà”.

Netanyahu ha riconosciuto che “c’è molta pressione su Israele”, anche interna, affinché metta fine all’offensiva. Il suo governo ha dovuto far fronte alle richieste di vari paesi di attuare un cessate il fuoco e gli israeliani hanno protestato per indire nuove elezioni.

Ma il primo ministro ha ribadito che la guerra continuerà. “Vogliamo davvero ottenere più rilasci e siamo anche disposti a fare molta strada, ma non siamo pronti a pagare alcun prezzo, certamente non a pagare i prezzi, le illusioni che Hamas ci chiede, che significano la sconfitta per lo Stato. di Israele”, ha detto Netanyahu.

Ha aggiunto che i tre obiettivi di guerra di Israele sono l’eliminazione di Hamas, il ritorno degli ostaggi e la garanzia che Gaza “non rappresenterà più una minaccia” per la sicurezza di Israele.

Funzionari israeliani hanno affermato che i negoziati sugli ostaggi richiedono pressioni militari, ma Hamas ha rifiutato di prendere in considerazione qualsiasi accordo che non includa un cessate il fuoco permanente e il rilascio di un gran numero di detenuti palestinesi dalle carceri israeliane.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie