Donald Trump. “Navalny coraggioso, non doveva tornare in Russia”, ma non cita Putin. “Anche io perseguitato”

AgenPressDonald Trump da giorni è criticato dagli oppositori per il suo rifiuto di condannare Putin dopo che Navalny, esponente dell’opposizione russa, è morto in una colonia penale russa in circostanze ancora non del tutto spiegate.

Avendo avuto la possibilità di farlo in un municipio di Fox News, Trump ha mostrato ancora una volta il suo abituale rifiuto di criticare un leader russo che ha schiacciato la democrazia e ha una lunga storia di persecuzione degli oppositori politici. Ha offerto un moderato tributo a Navalny, prima di tornare alle sue false accuse di persecuzione politica.

Nell’intervista  l’ex presidente degli Stati Uniti ha detto che Navalny il cui corpo non è stato ancora restituito alla famiglia, era “un ragazzo molto coraggioso” ma che probabilmente non sarebbe dovuto tornare in Russia prima della sua prigionia. Poi, Trump è tornato alla sua ossessione per il trattamento subito nel suo Paese che, a differenza della Russia, offre garanzie costituzionali del diritto a un giusto processo, libertà politiche ed è un luogo in cui gli elettori possono scegliere il proprio presidente.

“Sta succedendo anche nel nostro Paese. Ci stiamo trasformando in un paese comunista in molti modi. E se guardi, sono il candidato principale, sono stato incriminato. … Sono stato incriminato quattro volte. Ho otto o nove processi… tutto a causa del fatto che sono in politica”, ha detto Trump, il favorito per la nomina presidenziale repubblicana, all’evento di Fox News. Più tardi, riferendosi a una sentenza per frode civile da 355 milioni di dollari contro di lui la scorsa settimana, ha aggiunto che “è una forma di Navalny, è una forma di comunismo o fascismo”.

Il presidente Joe Biden ha sollevato la questione del rifiuto del suo predecessore di denunciare la colpevolezza di Putin nella morte di Navalny durante un viaggio di raccolta fondi sulla costa occidentale. “Trump non riesce nemmeno a condannarlo. È scandaloso”.

Non esiste un mondo in cui Trump e Navalny possano essere paragonati. Per prima cosa, Navalny è tornato in Russia nonostante fosse quasi morto dopo un tentativo di avvelenamento – di cui ha attribuito la colpa agli agenti del Cremlino – utilizzando un agente nervino.

Il presidente Joe Biden e altri leader occidentali hanno incolpato il presidente russo Vladimir Putin per la morte di Navalny , così come Nikki Haley, che è molto indietro rispetto a Trump come unico rivale rimasto per la nomina presidenziale repubblicana. Trump si è scagliato contro la multa di 355 milioni di dollari inflittagli in un processo per frode a New York , dicendo che “è una forma di Navalny”.

Il Cremlino ha negato il coinvolgimento nella morte di Navalny e ha affermato che le affermazioni occidentali secondo cui Putin era responsabile sono inaccettabili.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie