Kasparov. Navalny ucciso anche per colpa dell’apatia dell’ Occidente. Ha smascherato Putin e la sua mafia

AgenPress – “Temo che i politici occidentali preferiscano che i dissidenti siano martiri. Possono lasciare fiori e dire belle parole durante le trattative con l’assassino. Nessuno contesta tale ipocrisia”.

E’ quanto afferma dalle colonne del Wall Street Journal dall’ex leader dell’opposizione russa Garry Kasparov, secondo cui Navalny è stato ucciso da Vladimir Putin ma per la sua morte ci sono altre responsabilità.

Alexei Navalny è stato ucciso venerdì in una prigione a nord del circolo polare artico. Non c’è bisogno di giochi semantici di colpa quando muore un prigioniero politico.

È un omicidio da parte di una dittatura, come se fosse stato Vladimir Putin in persona a premere il grilletto.

Putin ha tentato, senza riuscirci, di assassinare Navalny rapidamente e segretamente avvelenandolo nel 2020, e ora lo ha ucciso lentamente e pubblicamente in prigione.

L’unico crimine di Navalny è stato quello di aver smascherato Putin e la sua mafia per i delinquenti che sono, e lo ha fatto con carisma e umorismo.

Navalny e io non eravamo d’accordo su molte cose del passato e del futuro della Russia. Ma eravamo d’accordo che Putin doveva andarsene e che nessuna delle nostre divergenze aveva importanza finché ciò non fosse accaduto.

Ora Alexei è morto e con lui l’ultimo sussulto della società russa che lo ha deluso, ha deluso la Russia e ha deluso il mondo con la sua apatia. “Il rimpianto dell’inazione è dieci volte maggiore del rimpianto dell’azione”

Era un uomo ottimista e d’azione, in un mondo nichilista, una qualità tragica che condivideva con me e con il nostro collega Boris Nemtsov, tornato in Russia solo per essere ucciso per strada davanti al Cremlino nel 2015

“Ora Alexei è morto, e con lui l’ultimo sussulto della società russa che ha deluso lui, ha deluso la Russia e ha deluso il mondo con la sua apatia. Era un uomo ottimista e attivo in un paese di nichilismo e inazione”, scrive, puntando il dito prima di tutto contro i russi che, a differenza degli ucraini, non hanno avuto il coraggio di lottare per la loro libertà quando il momento era propizio, ossia durante le maxi proteste di fine 2011 davanti al Cremlino.

Putin ha ucciso Navalny, ma il senso di colpa è sufficiente per coinvolgere altri. In primo luogo, noi russi che non siamo riusciti a resistere al coraggio di Alessio e a porre fine alla dittatura e alla guerra di Putin, non possiamo sottrarci alle nostre responsabilità. Alcuni di noi ci hanno provato e lui ha marciato con noi in numeri che ora sembrano una fantasia. Non era abbastanza.

È sbagliato chiedersi cosa sarebbe potuto succedere? Se fossimo stati coraggiosi come gli ucraini qualche anno dopo, quando scesero in strada e rischiarono la vita per essere liberi?

Forse l’ultima, migliore possibilità è stata la grande manifestazione di Mosca del 24 dicembre 2011, non molto tempo prima che il regime reprimesse tali azioni. Navalny deve aver sentito il momento in cui è salito sul palco davanti a decine di migliaia di manifestanti.

“Vedo che ci sono abbastanza uomini qui per catturare il Cremlino e la Casa Bianca, anche la sede del governo federale. Adesso. Siamo una forza pacifica e non lo faremo. Ma se questi truffatori e ladri cercano di continuare a ingannarci , se continuano a raccontarci bugie e a rubare, quello che ci appartiene lo prenderemo con le nostre mani!”.

Le persone ci avrebbero seguito? Migliaia di poliziotti avrebbero aperto il fuoco o si sarebbero uniti a noi? Saremmo liberi adesso o morti da tempo? Il rimpianto dell’inazione è dieci volte più grande del rimpianto dell’azione.

Da incolpare anche i politici occidentali che hanno trattato l’avvelenamento di Navalny nel 2020 e l’incarcerazione l’anno successivo solo come un’altra merce di scambio con Putin. Tante chiacchiere, nessuna azione, ancora colloqui di pace vuoti e accordi corrotti, più sangue sulle loro mani.

La minaccia del presidente Biden di conseguenze “devastanti” nel 2021 se dovesse succedere qualcosa a Navalny in prigione sarà ora messa alla prova. Dopo decenni di crimini e aggressioni, Putin ha oltrepassato un’altra sanguinosa linea rossa.

L’Ucraina è il punto debole dell’armatura di Putin. Biden non può nascondersi dietro il blocco degli aiuti all’Ucraina da parte dei repubblicani, per quanto riprovevole.

La Casa Bianca non ha bisogno che il Congresso invii all’Ucraina l’artiglieria a lungo raggio come l’ATACMS e gli aerei da combattimento essenziali per proteggere i civili dagli incessanti bombardamenti della Russia.

Né Biden può incolpare l’ostruzionismo del MAGA per non essere riuscito a sequestrare più di 300 miliardi di dollari in beni della Banca Centrale russa e ad usarli per aiutare l’Ucraina. L’acquisizione e la vendita di yacht di lusso e proprietà immobiliari in Occidente appartenenti a Putin e ai suoi oligarchi sarebbe anche un giusto tributo a Navalny, le cui campagne anti-corruzione hanno messo in luce le loro ricchezze saccheggiate.

Ma temo che i politici occidentali preferiscano che i dissidenti siano martiri. Possono lasciare fiori e dire belle parole durante le trattative con l’assassino. Nessuno contesta tale ipocrisia.

Possiamo anche sfruttare questo tragico momento per svergognare coloro che sostengono apertamente Putin, da Viktor Orbán e Donald Trump a propagandisti come Tucker Carlson e sostenitori come Elon Musk. Ma dovremmo preoccuparci quando non possono essere svergognati?

Perché uccidere Navalny adesso? Putin ovviamente si sentiva sicuro di portare a termine il lavoro e, da codardo e prepotente, è sempre più pericoloso quando si sente fiducioso e trionfante.

Nelle discussioni alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, l’uccisione di Navalny ha minacciato di “mettere in ombra” la morte quotidiana di ucraini innocenti. L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e i leader del mondo libero stanno a galla mentre gli ucraini sanguinano. Se Biden e il resto del mondo libero vogliono davvero sferrare un colpo “devastante” contro l’assassino del Cremlino, devono solo fornire agli ucraini le armi di cui hanno bisogno.

L’Occidente sembra intenzionato a raddoppiare l’apatia russa di fronte all’aggressione di Putin, e i risultati saranno gli stessi. Diventerà più audace e il prezzo per fermarlo continuerà a salire. Il rischio per l’Ucraina, gli Stati baltici e la Polonia aumenterà insieme alla minaccia per altri prigionieri politici come l’attivista Vladimir Kara-Murza e il giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich.

Alexei Navalny era un uomo coraggioso e attivo, e solo il coraggio e l’azione possono onorarlo adesso. / Tratto dal Wall Street Journal, opuscolo adattato

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie