Kasparov. Navalny è stato ucciso da Putin. Deve essere fermato. La Russia sarà libera solo se l’Ucraina vincerà

AgenPress – “Oggi abbiamo il cuore spezzato e siamo infuriati nel condividere con voi che il regime di Putin ha ucciso Alexei Navalny, una delle voci più importanti dell’opposizione russa.

Putin reprime brutalmente i suoi critici perché sente di avere l’impunità, non solo in Russia, ma a livello globale. Autopromotori spudorati come Tucker Carlson gli hanno dato copertura nei media americani. Un vero e proprio caucus filo-russo gli dà sostegno al Congresso bloccando gli aiuti cruciali all’Ucraina. E non dobbiamo farci illusioni: la Russia sarà libera solo se l’Ucraina vincerà.

Anche i leader ben intenzionati di Washington e di altre capitali occidentali condividono la responsabilità. Ho saputo della morte di Navalny alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Sono circondato da funzionari dei paesi della NATO che trattano l’incarcerazione, le molestie e l’omicidio di persone come Navalny solo come un altro punto negoziale da affrontare con un leader legittimo piuttosto che come le azioni di un pericoloso criminale. Il loro decoro fuori luogo e la loro indecisione vengono letti al Cremlino come un via libera. Devono capire che Putin non si fermerà: deve essere fermato .

Questa tragedia scandalosa segna un momento critico nel nostro lavoro di promozione della democrazia. Nei prossimi giorni e settimane ci sarà altro da dire. Per ora, voglio condividere con voi una riflessione scritta dal mio collega Evan Mawarire, che, come Navalny, è tornato in patria per affrontare un brutale dittatore. Vi incoraggio anche ad ascoltare le parole di Evan, registrate dopo la notizia questa mattina e dette dal cuore.

I miei pensieri vanno alla famiglia di Navalny e a tutte le vittime della persecuzione russa durante l’aggressione, da Mosca a Mariupol e oltre. 

“Temo che i politici occidentali preferiscano che i dissidenti siano martiri. Possono lasciare fiori e dire belle parole mentre negoziano con l’assassino. Nessuno contesta tale ipocrisia. Navalny è stato prima di tutto e sempre un combattente e, a meno non combattano, Biden, il tedesco Olaf Scholz e gli altri dovrebbero tenere il suo nome lontano dalle loro lingue biforcute”.

Garry Kasparov,
Presidente, Iniziativa per il Rinnovamento della Democrazia

L’ex campione mondiale di scacchi che guidato l’opposizione russa insieme a Navalny e Boris Nemtsov.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie