Avdiivka. I russi hanno ucciso soldati ucraini feriti ed intrappolati

AgenPress – Avdiivka è stata in prima linea nella guerra tra Kiev e Mosca per quasi un decennio. Vi sono stati aspri combattimenti per mesi dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia quasi due anni fa.

Il ritiro è stato molto meno prolungato. Quando sabato l’esercito ucraino ha abbandonato la città , regalando alla Russia la vittoria più importante degli ultimi mesi, è stato rapido e spietato.

“Lasciate i 300 (feriti)”, sarebbe stato ordinato a un soldato, “e bruciate tutto”. Alcune ore dopo che le truppe russe avevano issato le loro bandiere su Avdiivka, è emersa una storia terrificante di diversi soldati feriti che non sono riusciti a fuggire – e sono stati uccisi mentre le truppe russe raggiungevano la loro posizione.

I militari ucraini facevano parte della 110a Brigata Meccanizzata Separata, che occupava una posizione conosciuta come Zenit. Mentre le forze russe avanzavano attraverso Avdiivka la scorsa settimana, lo Zenit è stato oggetto di pesanti attacchi.

I soldati di stanza lì hanno fatto tentativi disperati di fuggire dalle rovine della città, secondo Viktor Biliak, uno dei soldati presenti. 

Avdiivka è in prima linea da quando i separatisti filo-Mosca hanno conquistato ampie porzioni della regione del Donbas, inclusa la vicina città di Donetsk, nel 2014. Anni di combattimenti hanno trasformato la città in una roccaforte pesantemente fortificata, con trincee costruite negli ultimi otto anni.

Ma con l’esercito ucraino sotto pressione in diversi punti della linea del fronte e alle prese con carenza di munizioni e manodopera, l’esercito russo potrebbe aver intravisto una finestra di opportunità. Ha colpito l’area con attacchi aerei e artiglieria prima di intensificare l’assalto di terra.

Le forze ucraine hanno deciso lo scorso fine settimana di abbandonare la città, regalando alla Russia la vittoria più significativa da quando ha conquistato la città di Bakhmut l’anno scorso.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha affermato che la decisione di ritirarsi è stata presa per “salvare la vita dei nostri soldati”.

Tra quelli intrappolati e circondati c’era un sergente minore di 30 anni e medico da combattimento della regione di Dnipropetrovsk di nome Ivan Zhytnyk, identificativo di chiamata “Django”. Combatteva ad Avdiivka da quasi due anni, così come la 110a Brigata.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie