La Russia alza la bandiera ad Avdiivka. Inchiesta sull’esecuzione da parte dei russi di sei prigionieri delle forze armate ucraine

AgenPress – La bandiera russa è stata issata in diverse parti della città orientale di Avdiivka a Donetsk, poche ore dopo che le forze ucraine si sono ritirate frettolosamente dalle rovine di una città che hanno difeso per un decennio.

Ma l’esercito ucraino è sotto pressione in molti altri punti lungo la linea del fronte che si snoda per circa 1.000 chilometri dal confine con la Russia a nord fino al Mar Nero.

L’esercito russo potrebbe aver percepito una finestra di vulnerabilità nel suo avversario. Le migliori unità dell’Ucraina sono esaurite dopo due anni di combattimenti; c’è un nuovo comandante in capo , Oleksandr Syrskyi; e le truppe ucraine sono a corto di proiettili e vulnerabili agli implacabili attacchi aerei.

L’obiettivo dichiarato del presidente Vladimir Putin è quello di conquistare tutte le regioni orientali di Luhansk e Donetsk, ma pochi credono che si fermerà lì se ci saranno ulteriori opportunità.

I russi hanno lanciato una campagna determinata per conquistare Avdiivka in ottobre. Ma sono all’attacco anche vicino a Bakhmut e Mariinka (sempre a Donetsk), e verso Kupiansk nel nord.

Sul fronte meridionale, a Zaporizhzhia, fonti russe e ucraine parlano di un massiccio ammassamento russo nella zona dove l’estate scorsa gli ucraini tentarono di lanciare la loro controffensiva. Secondo alcuni analisti è stata radunata una forza di 50.000 uomini.

L’aggiornamento quotidiano dell’esercito ucraino fornisce un’idea della potenza di fuoco ora utilizzata dai russi. Solo sabato, secondo lo Stato Maggiore, si sono verificati 82 combattimenti. “Il nemico ha lanciato un totale di 13 attacchi missilistici e 104 attacchi aerei, sparando 169 volte da sistemi missilistici a lancio multiplo contro posizioni militari e aree residenziali ucraine”.

L’aggiornamento è pieno di parole come “respinto” e “trattenuto”, mentre le unità ucraine nelle regioni di Kharkiv, Donetsk e Zaporizhzhia si aggrappano alle loro posizioni difensive.

Ivan Tymochko, presidente del Consiglio dei riservisti delle forze terrestri ucraine, ha dichiarato sabato che “nonostante la nostra attenzione sia focalizzata su Avdiivka, in realtà, nel settore Lyman-Kupiansk, [e] vicino a Bakhmut, sono in corso combattimenti molto intensi. Il nemico ha concentrato le sue forze nella zona di Robotyne”, un’altra zona critica sul fronte meridionale.

Gli ucraini stanno cercando di stabilire nuove posizioni difensive a nord di Avdiivka su un terreno più elevato. Gli analisti non si aspettano un immediato assalto russo su queste linee, con il raggruppamento delle truppe, ma potrebbero prendere alcuni villaggi periferici.

La distruzione causata dall’artiglieria russa e dagli attacchi aerei per diversi mesi ad Avdiivka ha sostanzialmente lasciato gli ucraini senza copertura. Lo stesso approccio russo – cancellare tutto ciò che ostacolava – alla fine ha funzionato nel 2022 nelle città di Severodonetsk e Lysychansk.

Il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina ha avviato un’indagine preliminare in merito a presunte esecuzioni di prigionieri di guerra ucraini disarmati ad Avdiivka e Vesele da parte dei russi.

“Sotto il controllo procedurale della procura regionale di Donetsk, è stata avviata un’indagine preliminare sulla violazione delle leggi e delle consuetudini di guerra con l’omicidio premeditato”, ha detto la procura su Telegram. Secondo quanto riportato da Ukrinform, l’indagine giunge dopo che su Telegram sono comparse segnalazioni tra cui un messaggio sull’esecuzione in una delle posizioni di Avdiivka di sei prigionieri delle forze armate ucraine e un video dell’uccisione di altri due soldati vicino al villaggio di Vesele nel distretto di Bakhmut.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie