Afghanistan. 13 persone, tra cui 5 donne, sono state frustate perché coinvolte in affari illeciti

AgenPress – “Esiste una Sharia Nikah [matrimonio], tutti i musulmani sono obbligati a fare la Sharia Nikah. Erano coinvolti in affari illeciti e fuggivano dalle case”.

Lo ha detto Abdullah Sarhadi, governatore di Bamiyan, affermando che 13 persone, tra cui cinque donne,  nella provincia sono state frustate per aver avuto affari illeciti e per essere fuggite a casa.

Rispondendo a una domanda sulla demolizione dei Buddha di Bamiyan nel 2001, Sarhadi ha detto che i Buddha furono demoliti in base al decreto del leader dell’Emirato islamico dell’epoca.

“Se il profeta Ibrahim permettesse gli idoli, lo faremmo anche noi. Non siamo idolatri e gli idolatri non vivono in Afghanistan. Perché dovremmo permettere gli idoli?” ha detto Abdullah Sarhadi, governatore di Bamiyan.

Sarhad ha aggiunto che l’amministrazione locale sta cercando di offrire opportunità di lavoro alla popolazione della provincia e che a questo scopo sono stati consultati anche alcuni uomini d’affari.

“Vogliamo vedere le persone stare in piedi. Abbiamo chiesto alle organizzazioni di lavorare in modo tale che le persone possano diventare autosufficienti. Un sacco di farina e un barattolo di olio da cucina non serviranno a nulla, la gente si trasformerà in mendicanti”, ha detto Abdullah Sarhadi, governatore di Bamiyan.

Il governatore provinciale di Bamiyan ha affermato che il divieto per le donne di recarsi a Band-e-Amir è una questione provvisoria e che alle donne è stato negato l’accesso al parco nazionale a causa della loro inosservanza dell’Hijab.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie