Alexey Navalny, la madre non riesce ad avere il corpo. “Mentono e fanno di tutto per non consegnarlo”

AgenPress – Per la madre di Alexei Navalny , il leader dell’opposizione russa morto all’età di 47 anni in una colonia penale artica, il viaggio per recuperare il corpo di suo figlio sabato è stata un’odissea senza una destinazione chiara.

Lyudmila Navalnaya, 69 anni, ha ricevuto sabato una nota ufficiale in cui si afferma che il politico era morto in prigione alle 14:17 ora locale del giorno prima, ha detto sabato Kira Yarmysh, portavoce di Navalny.

Insieme ai membri del team legale di Navalny, Lyudmila si è recata nella città di Kharp nella regione di Yamalo-Nenets, a circa 1.900 chilometri (1.200 miglia) a nord-est di Mosca.

È stato lì che il servizio penitenziario federale russo ha detto venerdì che Navalny non si è sentito bene dopo una passeggiata ed è caduto privo di sensi. Quando Lyudmila è arrivata meno di 24 ore dopo, i funzionari hanno detto che suo figlio era morto per “sindrome della morte improvvisa”, ha detto Ivan Zhdanov, direttore della Fondazione anticorruzione di Navalny.

Sabato i dipendenti della prigione hanno detto alla madre di Navalny che non avevano il corpo di suo figlio. Hanno detto che era stato portato nella vicina città di Salekhard, a poco più di un’ora di macchina, come parte di un’indagine sulla sua morte.

Quando Lyudmila è arrivata in città con uno degli avvocati di Navalny, tuttavia, hanno scoperto che l’obitorio era chiuso, ha scritto la squadra di Navalny sul proprio canale Telegram. Quando l’avvocato ha chiamato l’obitorio, gli è stato detto che nemmeno il corpo del politico era lì.

Questa volta Lyudmila si è diretta direttamente all’ufficio del comitato investigativo di Salekhard. Un piccolo gruppo di giornalisti ha osservato Lyudmila dirigersi verso l’ufficio, vestita con uno spesso cappotto nero, mentre la temperatura si aggirava intorno ai meno 25 gradi centigradi (meno 13 gradi Fahrenheit). Di tanto in tanto, prendeva il braccio di uno di quelli che camminavano accanto a lei mentre il gruppo si faceva strada lungo sentieri fiancheggiati da spessi mucchi di neve.

Qui le è stato detto che la causa della morte di suo figlio, in realtà, non è stata ancora stabilita, ha detto il portavoce di Navalny, Kira Yarmysh. I funzionari hanno detto a Lyudmila che i parenti del politico non avrebbero ricevuto il suo corpo finché non avessero completato ulteriori esami.

Inizialmente, sembrava che Lyudmila potesse dirigersi verso un altro obitorio. Invece, è tornata al suo hotel nella città di Labytnangi, ad altri 30 minuti di macchina. La squadra di Navalny, nel frattempo, ha detto che non erano ancora vicini a scoprire dove fosse tenuto il corpo del politico.

“È ovvio che mentono e fanno tutto il possibile per evitare di consegnare il corpo”, ha scritto Yarmysh su X, precedentemente noto come Twitter, dopo la visita di Lyudmila all’ufficio del comitato investigativo. Il portavoce ha anche detto che la squadra di Navalny “chiede che il corpo di Alexei Navalny sia consegnato immediatamente alla sua famiglia”.

Navalny, che stava scontando una pena detentiva di 19 anni dal gennaio 2021 dopo essere stato condannato tre volte per estremismo, ha parlato più volte della possibilità che potrebbe morire mentre era in custodia.

Dopo l’ultimo verdetto, che Navalny riteneva motivato politicamente, ha detto di aver capito che stava “scontando una condanna all’ergastolo, che si misura con la durata della mia vita o con la durata della vita di questo regime”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie