Avetrana. Micheli Misseri torna libero e ribadisce di aver ucciso Sarah. “Ho detto il falso quando ho accusato mia figlia”

AgenPress – Michele Misseri ha lasciato questa mattina il carcere di Lecce dopo aver scontato una condanna per soppressione di cadavere: il 69enne era stato condannato a otto anni per aver gettato in un pozzo ad Avetrana (Taranto) il corpo della nipote 15enne Sarah Scazzi, uccisa il 26 agosto del 2010. A uccidere la ragazza, nell’agosto del 2010, sono state, secondo una sentenza passata in giudicato, la moglie e la figlia di Misseri, Cosima Serrano e Sabrina. Misseri era in carcere dal 2017 ed è uscito con circa un anno di anticipo beneficiando della riduzione della pena per buona condotta, e della norma ‘svuotacarceri’.

“Sono stato io. Ho detto il falso quando accusai mia figlia. Sono stato mille e mille volte reo confesso”. E’ quanto ribadisce in un’intervista alla Stampa Michele Misseri, uscito dal carcere dopo aver scontato la condanna per l’occultamento e la soppressione del cadavere della nipote Sarah Scazzi.

“Ho scritto tante lettere a Sabrina e Cosima (condannate all’ergastolo) chiedendo perdono, ma non ho mai avuto risposta. Vorrei andare a trovarle in prigione, ma non so se accetteranno. Voglio chiedere loro perdono guardandole negli occhi, spiegandogli perché le ho accusate. Ho accusato mia figlia ingiustamente, ma mia moglie non l’ho mai accusata, come nemmeno mio fratello Carmine e mio nipote Cosimo. Io non volevo uscire perché non è giusto, sono io il colpevole. Questa colpa mi fa stare male”.

In carcere “ho preso la terza media, però visto che mi mancavano le scuole elementari ancora non riesco a scrivere corretto, ma cerco di farmi capire. Ho anche fatto un corso di falegname e ho preso il massimo dei voti. Ho fatto volontariato con la Caritas. E poi pulivo la Chiesa dove prego perché Sarah abbia giustizia”.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie