Commissione Ue. Portavoce, da Putin le solite bugie propagandistiche. Niente di nuovo. Ucraina nostra priorità assoluta

AgenPress – Nella sua intervista con l’ex giornalista americano Tucker Carlson, il presidente russo Vladimir Putin non ha detto nulla di nuovo, ma ha solo ripetuto le vecchie bugie sull’Ucraina, sull’Occidente e sulla sua guerra aggressiva contro l’Ucraina, che ha conseguenze per il mondo intero.

Lo ha affermato oggi a Bruxelles, nel corso di una conferenza stampa, il portavoce della Commissione europea Nabila Massrali.

“Non abbiamo visto nulla di nuovo. Putin ha ripetuto le vecchie bugie, distorsioni e manipolazioni, ha espresso grande ostilità verso l’Occidente, e questa non è una novità. Ci rammarichiamo che a Putin, di fatto, sia stata data una piattaforma simile per manipolare e diffondere la sua propaganda”, ha detto il portavoce della Commissione europea.

Putin ha diffuso ancora una volta le sue ben note bugie sull’Ucraina, che sta cercando di utilizzare per giustificare la sua guerra criminale e immotivata contro l’Ucraina, contro un vicino pacifico. Questa menzogna, tuttavia, rimane pericolosa, poiché ha già causato enormi sofferenze umane, portato a crimini di guerra e atrocità commesse dalla Russia contro gli ucraini.

“Putin ha dimostrato ancora una volta di non essere interessato a passi concreti e significativi verso la pace, affermando invece che la Russia combatterà ‘per i suoi interessi’ fino alla fine. Se Putin vuole davvero lottare per gli interessi del popolo russo e del suo Paese , deve ritirare immediatamente e incondizionatamente le sue forze e il suo equipaggiamento militare dall’intero territorio dell’Ucraina entro i suoi confini riconosciuti a livello internazionale e rispondere alle enormi sfide che la società russa deve affrontare ogni giorno”, ha sottolineato Nabila Massrali.

 Un’analisi dettagliata delle bugie diffuse dal presidente russo sarà presto pubblicata sulla risorsa europea EU&Disinfo, che contiene già la descrizione di oltre 60mila casi di disinformazione del Cremlino. Questi dati possono essere un’utile fonte di dati affidabili quando si tratta di un altro tentativo di disinformazione su larga scala, come l’intervista a Putin.

“Putin sta cercando di diffondere disinformazione su scala globale – e questo è ciò che fa meglio per assolversi dalla responsabilità dell’inizio dell’aggressione contro l’Ucraina, per giustificare le atrocità durante l’occupazione e per evitare la responsabilità per le conseguenze globali dell’aggressione contro l’Ucraina. questa aggressione, in termini di aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia in Ucraina e in altri paesi”, ha detto il portavoce della Commissione europea.

Ha sottolineato che l’UE sta intensificando gli sforzi diplomatici ed è in contatto con i paesi più colpiti e i partner internazionali per consegnare l’aggressore alla giustizia e mitigare le conseguenze globali della sua aggressione.

“L’Ucraina resta una priorità assoluta per l’Unione europea, ci siamo impegnati a sostenere l’Ucraina nella sua legittima lotta contro l’aggressore, e continuiamo a farlo…. Il Consiglio europeo ha appena approvato un pacchetto di aiuti da 50 miliardi di euro per l’Ucraina, “E questo pacchetto viene ora discusso dalle istituzioni di bilancio dell’UE. Dall’inizio della guerra, l’Unione europea ha fornito assistenza all’Ucraina per un totale di circa 88 miliardi di euro”, ha concluso  Nabila Massrali.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie