Cina. Giustiziata una coppia. Lei non voleva i suoi figli. Lui li getta dal quindicesimo piano di un grattacielo

AgenPress –  E’ stata giustiziata una coppia per aver gettato due bambini piccoli dalla finestra di un condominio, in un caso che ha suscitato indignazione a livello nazionale.

Zhang Bo e Ye Chengchen erano stati precedentemente ritenuti responsabili di aver gettato una bambina di due anni e di un bambino di un anno dal quindicesimo piano di un grattacielo residenziale a Chongqing, nel sud-ovest della Cina.

Zhang, che era il padre dei due figli, aveva iniziato una relazione con Ye, che inizialmente non sapeva di essere sposato e di avere figli.

Ha poi esortato Zhang a uccidere i suoi due figli, che lei “considerava come ostacoli” al loro matrimonio e un “onere per la loro futura vita insieme”, ha affermato in una nota la Corte popolare intermedia n. 5 di Chongqing.

Nel novembre 2020, Zhang ha gettato i suoi figli dalla finestra dell’appartamento in assenza della madre, dalla quale aveva concordato il divorzio.

Entrambi sono stati giudicati colpevoli di aver cospirato “per uccidere sua figlia e il figlio minore inscenando una caduta accidentale dal 15° piano del suo condominio”, ha riferito l’anno scorso il China Daily, sostenuto dallo stato.

La coppia è stata condannata a morte nel dicembre 2021 e giustiziata questa mattina.

La notizia è arrivata lo stesso giorno di un’altra esecuzione di alto profilo: quella di Wu Xieyu, ritenuto colpevole di aver ucciso sua madre colpendola ripetutamente con un manubrio nel 2015, ha affermato una dichiarazione di un tribunale nella provincia orientale del Fujian.

Le condanne vengono spesso emesse per crimini che vanno dal traffico di droga alla corruzione e all’omicidio, e l’iniezione letale è il metodo di esecuzione più comune.

Il crimine di Zhang e Ye ha suscitato ondate di shock in tutta la Cina per la sua premeditazione a sangue freddo, così come nei giovani delle vittime.

La Cina mantiene segreti i dati sulle condanne alla pena di morte eseguite ogni anno, anche se Amnesty International stima che il Dragone sia il principale giustiziere a livello globale, con migliaia di casi per reati che spesso variano dal traffico di droga alla corruzione e all’omicidio, mentre il mezzo di esecuzione più comune è quello dell’iniezione letale.

Il crimine di Zhang e Ye ha suscitato ondate di shock in tutta la Cina per la sua premeditazione a sangue freddo, così come nei giovani delle vittime.

La loro esecuzione è rapidamente salite in cima alla lista degli argomenti di tendenza sul sito di social media cinese Weibo, ricevendo quasi 200 milioni di visualizzazioni.

“Oggi è davvero una bella giornata”, si legge in un commento molto apprezzato sotto un post correlato dell’agenzia di stampa statale Xinhua. “La punizione è adeguata al crimine”. 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie