Afghanistan. I talebani mandano in prigione le donne vittime di abusi. Prosegue la dura repressione

AgenPress – Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, il governo talebano in Afghanistan sta mettendo in prigione le donne sopravvissute agli abusi sostenendo che sia per la loro protezione.

L’ONU ha affermato che la pratica danneggia i sopravvissuti. salute mentale e fisica. Non ci sono più centri di accoglienza per le donne sponsorizzati dallo stato poiché il governo talebano non ne vede la necessità.

La repressione dei diritti delle donne da parte dei talebani in Afghanistan è una delle più dure al mondo.

La Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) ha affermato che la violenza di genere contro le donne e le ragazze afghane era nota per essere elevata anche prima che i talebani prendessero il controllo dell’Afghanistan.

Ma da allora, tali incidenti sono diventati ancora più comuni, dato l’impatto delle crisi economiche, finanziarie e umanitarie che hanno afflitto il paese, ha affermato l’UNAMA. Le donne sono state inoltre sempre più confinate nelle loro case, il che aumenta la loro vulnerabilità alla violenza domestica e da parte del partner.

Secondo l’UNAMA, prima che i talebani riprendessero il potere nel 2021, in Afghanistan c’erano 23 centri o rifugi di protezione delle donne sponsorizzati dallo stato, ma da allora sono scomparsi.

Funzionari talebani hanno detto all’UNAMA che non c’era bisogno di rifugi poiché le donne dovevano stare con i loro mariti o familiari maschi. Uno ha detto che questi rifugi erano “un concetto occidentale”.

I funzionari hanno detto che avrebbero chiesto ai membri maschi della famiglia di assumere un “impegno”; per non fare del male alla donna sopravvissuta.

Nei casi in cui non aveva parenti maschi con cui stare, o dove c’erano problemi di sicurezza, la sopravvissuta veniva mandata in prigione “per la sua protezione”. Questo sarebbe simile al modo in cui vengono ospitati alcuni tossicodipendenti e senzatetto nella capitale Kabul, ha osservato l’UNAMA.

Ma l’UNAMA ha affermato che ciò “equivarrebbe ad una privazione arbitraria della libertà”.

“Confinare donne che si trovano già in una situazione di vulnerabilità in un ambiente punitivo avrebbe probabilmente anche un impatto negativo sulla loro salute mentale e fisica, una nuova vittimizzazione e le esporrebbe al rischio di discriminazione e stigmatizzazione una volta rilasciate.”

L’UNAMA ha inoltre osservato che per un periodo di un anno a partire dal 15 agosto 2021, la gestione delle denunce di violenza di genere da parte dell’amministrazione talebana è stata “poco chiara e incoerente”.

Ad esempio, non esiste una chiara distinzione tra denunce penali e civili, il che non garantisce un’efficace protezione legale per donne e ragazze.

Le denunce vengono gestite per lo più da personale maschile, e l’UNAMA ha osservato che l’assenza di personale femminile “scoraggia e inibisce i sopravvissuti dal presentare denunce”.

Ai sopravvissuti ora non è più garantito un risarcimento per le loro denunce, compresi rimedi civili e risarcimenti. Secondo quanto riferito, hanno più paura del governo talebano e delle sue azioni arbitrarie e quindi scelgono di non cercare giustizia formale, ha affermato l’UNAMA.

Sebbene tra il 2001 e il 2021 siano stati compiuti sforzi per promuovere i diritti delle donne – comprese riforme legislative e politiche – questi sono “quasi scomparsi”.

Da quando ha ripreso il potere nel 2021, il governo talebano ha quasi del tutto infranto le sue precedenti promesse di concedere alle donne il diritto al lavoro e allo studio.

Le ragazze in Afghanistan possono frequentare solo la scuola elementare. Alle ragazze adolescenti e alle donne è stato anche impedito di entrare nelle aule scolastiche e universitarie.

Non sono ammessi nei parchi, nelle palestre e nelle piscine. I saloni di bellezza sono stati chiusi, mentre le donne devono vestirsi in modo da mostrare solo i loro occhi. Devono essere accompagnati da un parente maschio se percorrono più di 72 km (45 miglia).

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie