Il dittatore Putin è la personificazione del male. L’Ucraina combatterà per la sua libertà. L’Occidente deve aiutarla o crollerà tutto

AgenPress – Il dittatore russo non solo deve essere contenuto, ma deve essere finalmente sconfitto. Se l’Occidente non se ne rende conto, perderà.

Recentemente Bloomberg ha pubblicato un articolo con segnali piuttosto allarmanti per l’Ucraina. In particolare, i giornalisti della pubblicazione sottolineano che quest’estate Putin ha avuto paura di mettere il naso fuori dalla Russia: ha dovuto annullare il suo viaggio al vertice dei BRICS in Sud Africa perché temeva di essere arrestato con l’accusa della criminalità internazionale. Tribunale. E ora ha visitato solennemente gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, i due stati più grandi del Golfo Persico, che, tra l’altro, sono partner di lunga data degli Stati Uniti.

Inoltre nell’articolo si fa riferimento anche alla visita del ministro degli Esteri russo Lavrov alla conferenza dell’OSCE nella Macedonia del Nord. L’anno scorso al Ribbentrop del 21° secolo è stato vietato di partecipare a un evento simile tenutosi in Polonia.

Tuttavia, l’indebolimento dell’isolamento diplomatico non è l’unica buona notizia per il Paese aggressore. Nonostante le sanzioni occidentali progettate per sopprimere l’economia russa, questa si sta gradualmente riprendendo e si sta preparando per una lunga guerra. L’anno prossimo il Cremlino intende destinare quasi un terzo di tutte le spese di bilancio al mantenimento dell’esercito e del complesso militare-industriale.

In questo contesto, il Congresso americano continua a bloccare lo stanziamento degli aiuti americani all’Ucraina, e in Europa, oltre al primo ministro ungherese Orban, cresce il numero di paesi in cui i partiti con un “sapore filo-russo” vincono le elezioni. come in Slovacchia e nei Paesi Bassi.

A giocare a favore della Russia è stato anche lo scoppio del conflitto tra Israele e Hamas, che ha attirato l’attenzione del mondo sul Medio Oriente.

Potrebbe presto scoppiare in Sud America, in Guyana, dove il burattino del Cremlino, il presidente venezuelano Maduro, nello spirito del suo protettore Putin, ha avanzato rivendicazioni territoriali assolutamente inadeguate e criminali.

E a rischio c’è anche la Moldavia, che Lavrov ha minacciato di definire “la prossima vittima di una guerra ibrida”.

È noto che Putin voglia più conflitti nel mondo, voglia seminare discordia e caos ovunque possibile per distogliere l’attenzione dall’Ucraina. La domanda principale qui è: quanto successo avranno i suoi sforzi, qual è la reazione attesa dell’Occidente, sono pronti per decisioni potenti, saranno finalmente in grado di mettere al suo posto l’Hitler russo?

L’Occidente ha bisogno di consolidarsi, ma non ci sono leader potenti al livello di de Gaulle, Roosevelt o Churchill

Il diplomatico Vadym Triukhan  attira innanzitutto l’attenzione sul fatto che il criminale di guerra n. 1 Putin non è diventato la Persona dell’anno nel 2023 secondo la rivista Time, che, come sapete, lo ha incluso nella lista la rosa dei candidati. Ma avrebbe potuto facilmente essere, come Hitler nel 1938 o Stalin nel 1942. E sarebbe stato obiettivo.

“Per quanto orribile e cinico possa sembrare… Perché, in effetti, quest’anno sta lentamente ma costantemente ottenendo ciò che vuole. Putin ha sentito la spinta dal fatto che sta dando incubi al mondo intero. Non solo l’Ucraina, ma anche in Europa, Medio Oriente, Africa ed è arrivato anche in America Latina”.

Perché ci riesce? La risposta è in superficie: l’Occidente è diventato così rilassato dopo la Guerra Fredda da essere completamente incapace di prendere decisioni coraggiose e forti.

“L’Ucraina sta cercando di invertire il corso fatale della storia, morendo dissanguata, ma senza arrendersi nel confronto con lo Stato terrorista di Putin. Un po’ di sostegno militare e finanziario, che finora ci ha aiutato a sopravvivere, viene fornito dal campo democratico. Ma è chiaramente insufficiente per un confronto a lungo termine con la Russia di oggi, per non parlare di infliggerle una sconfitta militare.

Quindi tutto è logico. Putin è un vero “uomo dell’anno”, un demone, la personificazione del male, che è pronto a distruggere tutto e tutti sul pianeta Terra, così come il pianeta stesso, per soddisfare le sue fantasie contorte”, sottolinea l’esperto.

“La storia umana ha visto maniaci sanguinari con potere assoluto nei loro stati, cannibali, ecc. Tuttavia, mai prima d’ora la civiltà si è trovata sull’orlo dell’abisso a causa della follia di una persona in particolare, che, inoltre, ha infettato decine di milioni di suoi “uomini della tribù” con la sua follia.

Putin è un verdetto sugli attuali leader politici e sulle élite politiche nei paesi democratici del mondo.

“Tranne l’Ucraina, ovviamente, che combatterà per la sua libertà fino all’ultimo proiettile. Non importa cosa e chi”, ha sottolineato il diplomatico. L’Occidente, dopo tutto, non ha altra scelta che consolidarsi.

“Perché se l’Occidente non aiuta l’Ucraina e perde almeno una ‘operazione speciale’ di successo – sia da parte del Venezuela, di Hamas o di qualcun altro – allora tutto crollerà come un castello di carte”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie