Cremlino. Zakharova, obiettivi della Russia non sono cambiati. Smilitarizzare l’Ucraina. ISW: finirebbe nelle mani di Putin

AgenPress – La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha sottolineato che gli obiettivi massimalisti della Russia in Ucraina non sono cambiati, ribadendo la richiesta del Cremlino per la piena capitolazione politica ucraina e l’accettazione da parte di Kiev delle richieste militari e territoriali della Russia, piuttosto che suggerire la volontà di negoziare seriamente

In un’intervista scritta con  l’AFP  il 9 dicembre, Zakharova ha affermato che una “soluzione globale, sostenibile ed equa” in Ucraina può avvenire solo se l’Occidente smette di “rifornire di armi le forze armate ucraine” e se l’Ucraina si arrende alle pretese ucraine della Russia. territorio ucraino e “ritira le sue truppe”, presumibilmente dal territorio ucraino che la Russia afferma di aver annesso.

Zakharova ha sottolineato l’affermazione di lunga data del Cremlino secondo cui la Russia avrebbe invaso l’Ucraina per “smilitarizzazione”, “denazificazione” e per “garantire i diritti dei cittadini di lingua russa” in Ucraina.

Il Cremlino ha costantemente utilizzato il termine “denazificazione” come codice per la rimozione del governo eletto dell’Ucraina e la sua sostituzione con un governo che il Cremlino considera accettabile, ovvero un cambio di regime.

La “smilitarizzazione” lascerebbe ovviamente l’Ucraina permanentemente alla mercé della Russia. I commenti di Zakharova evidenziano chiaramente il fatto che gli obiettivi iniziali dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, come stabilito dal presidente russo Vladimir Putin il 24 febbraio 2022, non sono cambiati, e che Putin non intende porre fine alla guerra a meno che i suoi massimalisti gli obiettivi sono stati raggiunti.

L’ISW continua a valutare che la Russia non intende impegnarsi in negoziati seri con l’Ucraina in buona fede e che i negoziati alle condizioni della Russia equivalgono alla completa resa ucraina e occidentale.

La richiesta di Zakharova che l’Ucraina ritiri le sue truppe dal “territorio russo” come prerequisito necessario per la risoluzione della guerra suggerisce che gli obiettivi massimalisti della Russia includono il controllo della totalità dei quattro oblast di cui ha annesso illegalmente alcune parti .

Le forze russe attualmente controllano militarmente porzioni degli oblast di Donetsk, Luhansk, Zaporizhia e Kherson, ma la Russia ha annesso formalmente (e illegalmente) la totalità di questi oblast nel settembre del 2022.

Il suggerimento di Zakharova secondo cui le forze ucraine devono ritirarsi completamente dal territorio che la Russia ha rivendicato attraverso la sua finta annessione suggerisce che le richieste russe includono la resa di ulteriore territorio ucraino che le forze russe attualmente non controllano fino ai confini amministrativi delle quattro oblast occupate. Le richieste di capitolazione dell’Ucraina nelle attuali circostanze di controllo russo del territorio ucraino fino all’attuale linea del fronte sono già inaccettabili dal punto di vista degli interessi vitali della sicurezza nazionale ucraina e occidentale, come ha precedentemente valutato l’ISW.

La richiesta russa di una resa ancora più espansiva del territorio controllato dall’Ucraina, che le forze russe potrebbero probabilmente conquistare solo a costo di un’enorme quantità di sangue, denaro e tempo aggiuntivi, se mai riuscissero a farlo, indica che gli obiettivi della Russia trascendono di gran lunga il mantenimento del territorio ucraino. territorio già conquistato dalle forze russe. È interessante notare, a questo proposito, che le forze russe continuano a condurre operazioni offensive nell’oblast orientale di Kharkiv, che la Russia non ha affermato di aver annesso, suggerendo che gli obiettivi territoriali della Russia potrebbero essere ancora più espansivi di quelli previsti da Zakharova.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie