Onu. Metà della popolazione di Gaza sta morendo di fame. 9 persone su 10 non possono mangiare tutti i giorni

AgenPress – Carl Skau, vicedirettore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha affermato che solo una frazione delle forniture necessarie è riuscita ad entrare nella Striscia – e nove persone su 10 non possono mangiare tutti i giorni. Le condizioni a Gaza hanno reso le consegne “quasi impossibili”.

Il portavoce delle forze di difesa israeliane, tenente colonnello Richard Hecht, ha dichiarato  che “qualsiasi morte e dolore per un civile è doloroso, ma non abbiamo un’alternativa”.

“Stiamo facendo tutto il possibile per ottenere quanto più possibile all’interno della Striscia di Gaza”.

Herzi Halevi, capo di stato maggiore dell’IDF, è stato filmato mentre diceva ai soldati che l’esercito deve “premere di più” perché “vediamo i terroristi arrendersi… un segno che la loro rete sta crollando”.

Nel frattempo, l’amministrazione Biden ha utilizzato una legge di emergenza per aggirare il Congresso e autorizzare la vendita di circa 14.000 colpi di munizioni per carri armati per un valore di oltre 106 milioni di dollari (85 milioni di sterline) a Israele.

I movimenti dentro e fuori Gaza sono stati pesantemente limitati dal 7 ottobre, quando i combattenti di Hamas hanno sfondato la recinzione perimetrale pesantemente sorvegliata di Israele, uccidendo 1.200 persone e prendendo 240 ostaggi.

In risposta, Israele ha chiuso i confini con Gaza e ha iniziato a lanciare attacchi aerei sul territorio, limitando le consegne di aiuti su cui gli abitanti di Gaza facevano molto affidamento.

Il ministero della Sanità gestito da Hamas afferma che Israele ha ucciso più di 17.700 abitanti di Gaza nella sua campagna di ritorsione, tra cui più di 7.000 bambini.

Solo il valico di Rafah al confine con l’Egitto è stato aperto, consentendo a quantità limitate di aiuti di raggiungere Gaza. Questa settimana Israele ha accettato di aprire nei prossimi giorni il valico di Kerem Shalom da Israele a Gaza, ma solo per l’ispezione dei camion umanitari. I camion sarebbero poi andati a Rafah per entrare a Gaza.

Skau ha detto che nulla lo aveva preparato alla “paura, al caos e alla disperazione” che lui e la sua squadra del WFP hanno incontrato durante il loro viaggio a Gaza questa settimana.

Hanno assistito alla “confusione nei magazzini, nei punti di distribuzione con migliaia di persone affamate e disperate, nei supermercati con gli scaffali vuoti e nei rifugi sovraffollati con i bagni scoppiati”.

La pressione internazionale e un cessate il fuoco temporaneo di sette giorni il mese scorso hanno consentito l’ingresso nella Striscia di Gaza di alcuni aiuti estremamente necessari, ma il WFP insiste che ora sia necessario un secondo valico di frontiera per soddisfare la domanda.

Secondo Skau, in alcune zone nove famiglie su dieci trascorrono “un giorno e una notte interi senza cibo”.

La gente di Khan Younis, nel sud di Gaza, una città ora circondata su due fronti dai carri armati israeliani, dice che la situazione è terribile.

Khan Younis è stato al centro di pesanti attacchi aerei negli ultimi giorni e il capo dell’ospedale Nasser ha detto che la sua squadra ha “perso il controllo” sul numero di morti e feriti arrivati ​​alla struttura.

Israele afferma che i leader di Hamas si nascondono a Khan Younis, forse in una rete sotterranea di tunnel, e che stanno combattendo casa per casa e “albero per albero” per distruggere le capacità militari del gruppo.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie