Oms. “Il sistema sanitario di Gaza è in ginocchio e al collasso. Impatto del conflitto sulla salute è catastrofico”

AgenPress – Il capo dell’OMS ha delineato domenica quello che ha descritto come l’impatto “catastrofico” del conflitto Israele-Hamas sul sistema sanitario a Gaza, esprimendo il suo rammarico per il fatto che venerdì non sia stata approvata una mozione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco. 

“È ovvio dire che l’impatto del conflitto sulla salute è catastrofico”, ha detto il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesu durante una riunione di emergenza dell’OMS. 
“Il sistema sanitario di Gaza è in ginocchio e al collasso… La capacità del sistema sanitario è stata ridotta a un terzo di quella che era”. 

Secondo Tedros, solo 14 dei 36 ospedali della Striscia di Gaza sono parzialmente funzionanti. Come esempio delle condizioni, ha anche sottolineato come due importanti ospedali nel sud di Gaza operino con tre volte la loro capacità di posti letto. 

Il sovraffollamento sta creando le “condizioni ideali” per la diffusione delle malattie, ha detto l’alto funzionario sanitario, aggiungendo che ci sono “segni preoccupanti” di malattie epidemiche, tra cui ittero e diarrea sanguinolenta. 

Tedros ha affermato che l’OMS si è riunita domenica per discutere una risoluzione che, se adottata, gli imporrebbe di svolgere diversi compiti, tra cui riferire sulle implicazioni della crisi sulla salute pubblica.

“Devo essere sincero con voi. Questi compiti sono quasi impossibili nelle circostanze attuali. È per questo motivo che la scorsa settimana il Segretario generale ha invocato l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite e ha chiesto un cessate il fuoco umanitario”, ha aggiunto dicendosi  “profondamente” dispiaciuto che la risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che chiedeva un cessate il fuoco non sia stata adottata dopo che gli Stati Uniti hanno posto il veto durante la votazione di venerdì. 

Pur riconoscendo che i negoziati sulla risoluzione del Consiglio di Sicurezza sono stati “difficili”, il Direttore Generale dell’OMS ha ribadito la sua convinzione che un cessate il fuoco sia “l’unico modo per proteggere e promuovere veramente la salute della popolazione di Gaza”. 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie