Mosca. Putin soddisfatto del “no” agli aiuti militari del Senato Usa all’Ucraina. Crollerà entro pochi mesi

AgenPress – Il dittatore russo Vladimir Putin ritiene che se gli Stati Uniti non riprenderanno gli aiuti all’Ucraina, lo Stato ucraino “crollerà entro pochi mesi”.

Questa dichiarazione è stata fatta dal capo della commissione intelligence del Senato americano (la camera alta del Congresso), Mark Warner, dopo che i senatori non avevano avanzato il nuovo pacchetto “più importante” di aiuti militari a Kiev, scrive Business Insider.

“Le speranze di vittoria di Vladimir Putin sono legate al ritiro degli Stati Uniti dall’Ucraina”, ritiene il capo della commissione.

Gli Stati Uniti non possono in alcun modo approvare la richiesta del presidente Joe Biden di stanziare 106 miliardi di dollari per gli aiuti, anche all’Ucraina e a Israele. Il documento, che prevede l’assistenza, è stato presentato dai leader degli Stati al Congresso il 20 ottobre. Lo stanziamento degli aiuti è bloccato soprattutto dai repubblicani.

Il 7 dicembre si è saputo che al Senato il disegno di legge, che prevede, in particolare, la concessione di aiuti all’Ucraina, non ha ricevuto voti sufficienti.  Al Senato ci sono 100 persone, per votare questo disegno di legge sono serviti 60 voti, ma i voti sono stati divisi a metà: 50 favorevoli e altrettanti contrari.

Prima del voto, Biden ha chiesto al Congresso di approvare più di 60 miliardi di dollari in finanziamenti aggiuntivi per gli aiuti militari all’Ucraina. Secondo lui, se Vladimir Putin dovesse vincere l’Ucraina, i soldati americani dovranno combattere con quelli russi .

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie