Israele. Netanyahu a Putin, “non soddisfatto” della posizione russa sulla guerra Gaza. Pericolosa cooperazione Russa-Iran

AgenPress – Domenica mattina mattina, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha parlato con il leader russo Vladimir Putin – Netanyahu ha affermato di non essere soddisfatto della posizione di Mosca sulla guerra a Gaza.

Durante la telefonata, Netanyahu ha criticato la “pericolosa cooperazione” tra Russia e Iran e ha affermato che qualsiasi altro paese che avesse subito un attacco equivalente a quello subito da Israele il 7 ottobre avrebbe reagito almeno con la stessa forza.

Il primo ministro israeliano ha espresso il suo apprezzamento per gli sforzi di Mosca per liberare i cittadini russi con doppia cittadinanza tenuti in ostaggio a Gaza.

Il Cremlino afferma che la Russia è pronta a fornire tutta l’assistenza possibile per allentare il conflitto e che Putin “ha riaffermato la posizione principale di respingere e condannare il terrorismo in tutte le sue forme”.

I due leader hanno avuto una conversazione di 50 minuti  in mezzo alla crescente tensione tra i due paesi mentre Mosca rafforza la sua cooperazione militare con Teheran, mentre gli Houthi sostenuti dall’Iran continuano a minacciare le rotte marittime globali nel Mar Rosso in risposta all’attacco di Gaza. 

Un portavoce militare Houthi ha detto che tutte le navi che salpano verso i porti israeliani sono bandite dal Mar Rosso e dal Mar Arabico finché Gaza non riceverà tutto il cibo e le medicine di cui ha bisogno.

Netanyahu nel suo colloquio con Putin ha espresso il suo “disappunto” per il sostegno della Russia al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per una risoluzione di cessate il fuoco che non comportava la condanna dell’attacco di Hamas del 7 ottobre contro il sud di Israele. Quel giorno Hamas uccise oltre 1.200 persone e sequestrò circa 250 ostaggi.

Gli Stati Uniti hanno bloccato la richiesta di cessate il fuoco del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il Regno Unito si è astenuto mentre Russia, Cina e Francia hanno sostenuto la richiesta di cessate il fuoco. Tutti e cinque i paesi sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e hanno tutti potere di veto, ma gli Stati Uniti sono stati gli unici a usarlo.

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha dichiarato virtualmente al Forum di Doha che, mentre il suo Paese “condanna fermamente” l’attacco del 7 ottobre, “non crediamo che sia inaccettabile usare questo evento per punire collettivamente milioni di palestinesi con bombardamenti indiscriminati di quartieri civili”. .”

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie