Indonesia. Oltre 300 musulmani Rohingya in fuga dal Myanmar arrivano nella regione di Aceh

AgenPress – Due imbarcazioni che trasportavano più di 300 musulmani Rohingya, tra cui donne e bambini emaciati, sono arrivate domenica mattina nella provincia più settentrionale di Aceh, in Indonesia, dopo essere rimaste alla deriva per settimane.

Una barca, che era in mare da circa un mese e mezzo e trasportava 135 passeggeri, è arrivata su una spiaggia nel villaggio di Lamreh, nella reggenza di Aceh Besar. Shahidul Islam, un sopravvissuto di 34 anni, ha detto di aver lasciato il campo profughi in Bangladesh. “La barca stava affondando. Non avevamo né cibo né acqua”, ha detto.

L’altra barca che trasportava quasi 180 persone ha attraccato su una spiaggia nel villaggio di Blang Raya a Pidie Regency. È alla deriva da circa 27 giorni nel Mare delle Andamane, senza rifornimenti adeguati. Mahmud Husein, 25 anni, un sopravvissuto, ha detto di aver dato al proprietario della barca 40.000 taka (363 dollari) per aiutarlo a lasciare il Bangaldesh.

“Siamo venuti in Indonesia, ma vogliamo andare in altri paesi se vogliono aiutarci”, ha detto Husein.

Un’altra barca, che trasportava altri rifugiati , è partita dal Bangaldesh nello stesso momento, ha confermato Husein, ma è rimasta dispersa. L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha avvertito che le persone a bordo potrebbero morire se non si farà di più per salvarle.

Circa 740.000 musulmani Rohingya sono fuggiti dal Myanmar , a maggioranza buddista, nei campi in Bangladesh dall’agosto 2017, a seguito di una brutale campagna di controinsurrezione. Le forze di sicurezza del Myanmar sono state accusate di stupri di massa, uccisioni e incendio di migliaia di case Rohingya, e i tribunali internazionali stanno valutando se le loro azioni costituiscano un genocidio.

Da novembre, più di 1.500 rifugiati Rohingya sono arrivati ​​via mare nella provincia indonesiana di Aceh. Ad alcuni è stato negato lo sbarco dai residenti nel distretto di Aceh Utara e nell’isola di Sabang, suscitando preoccupazioni da parte delle organizzazioni per i diritti umani.

Rijalul Fitri, capo del villaggio di Blang Raya ad Aceh, ha detto domenica che non vogliono i rifugiati nel loro villaggio. “Siamo rimasti svegli tutta la notte per non permettere loro di attraccare, ma alle 2,30 sono arrivati. Non possono restare qui”.

Il presidente Joko Widodo ha dichiarato venerdì  che il governo indonesiano sospetta un aumento del traffico di esseri umani a causa del crescente numero di musulmani Rohingya entrati nel paese nelle ultime settimane, soprattutto ad Aceh.

La polizia della città di Lohkseumawe – dove c’è un campo per rifugiati musulmani Rohingya – ha arrestato tre residenti di Aceh per traffico di esseri umani. Sono stati accusati di aver preso 1,8 milioni di rupie (circa 115 dollari) per contrabbandare 30 rifugiati dal campo alla città di Medan, nella provincia del Nord Sumatra, ha detto Henki Ismanto, il capo della polizia di Lhokseumawe.

La maggior parte dei rifugiati in partenza via mare tenta di raggiungere la Malesia, a maggioranza musulmana, in cerca di lavoro. In Indonesia,  i musulmani costituiscono quasi il 90% dei 277 milioni di abitanti del paese.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie