Yahya Sinwar: chi è il leader di Hamas che Israele vuole vivo o morto. E’ stato l’ideatore della strage del 7 ottobre

AgenPress – Le forze israeliane hanno circondato la casa di Yahya Sinwar , il capo dell’ala politica di Hamas a Gaza – di fatto il secondo in comando dopo il leader Ismail Haniyeh.

L’IDF dice che non sembra essere lì. Si pensa che si nasconda in tunnel sotterranei con guardie del corpo e non comunichi con nessuno per evitare di essere rintracciato.

Israele lo ritiene responsabile, insieme ad altri, degli attacchi del 7 ottobre, e il primo ministro Benjamin Netanyahu insiste che “è solo questione di tempo prima di catturarlo”.

Sinwar, 61 anni, è nato a Khan Younis dopo che i suoi genitori furono sfollati da Ashkelon in quella che i palestinesi chiamano “al-Nakba” (la catastrofe) – lo sfollamento di massa dei palestinesi dalla loro casa ancestrale nella guerra che seguì la fondazione di Israele nel 1948.

Fu arrestato per la prima volta da Israele nel 1982, all’età di 19 anni, per “attività islamiche” e poi arrestato di nuovo nel 1985. Fu allora che conquistò la fiducia del fondatore di Hamas, Sheikh Ahmed Yassin, e iniziò a farsi strada tra i ranghi.

Yahya Sinwar è scomparso. Non c’è da stupirsi se migliaia di soldati israeliani, supportati da droni, dispositivi elettronici di ascolto e informatori umani, stanno tutti cercando di scoprire dove si trovi.

Sinwar  è il leader dell’ala politica di Hamas a Gaza e uno degli uomini più ricercati di Israele.

Lo ritiene responsabile, insieme ad altri, del raid del 7 ottobre nel sud di Israele, in cui furono uccise circa 1.200 persone e più di 200 rapite.

“Yahya Sinwar è il comandante… ed è un uomo morto”, ha dichiarato all’inizio di ottobre il portavoce delle forze di difesa israeliane (IDF), il contrammiraglio Daniel Hagari.

“Questo abominevole attacco è stato deciso da Yahya Sinwar”, ha detto il capo di stato maggiore dell’IDF Herzi Halevi. “Perciò lui e tutti quelli che sono sotto di lui sono morti che camminano.”

Tra questi c’è Mohammed Deif, l’inafferrabile leader dell’ala militare di Hamas, le Brigate Izzedine al-Qassam.

Hugh Lovatt, membro senior del Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), ritiene che Deif fosse la mente dietro la pianificazione dell’attacco del 7 ottobre perché si trattava di un’operazione militare, ma Sinwar “avrebbe probabilmente fatto parte del gruppo che ha pianificato l’attacco” e lo ha influenzato”.

Israele ritiene che Sinwar, che è effettivamente il secondo in comando dopo il leader di Hamas Ismail Haniyeh, sia con le spalle al muro sotto terra, nascosto in tunnel da qualche parte sotto Gaza con le sue guardie del corpo, comunicando con nessuno per paura che il suo segnale venga tracciato e localizzato.

Sinwar, 61 anni, meglio conosciuto come Abu Ibrahim, è nato nel campo profughi di Khan Younis, all’estremità meridionale della Striscia di Gaza. I suoi genitori erano di Ashkelon ma divennero rifugiati dopo quello che i palestinesi chiamano “al-Naqba” (la catastrofe) – lo sfollamento di massa dei palestinesi dalle loro case ancestrali in Palestina nella guerra che seguì la fondazione di Israele nel 1948.

Ha studiato alla Khan Younis Secondary School for Boys e poi si è laureato in lingua araba presso l’Università islamica di Gaza.

Sinwar fu arrestato per la prima volta da Israele nel 1982, all’età di 19 anni, per “attività islamiche” e poi arrestato di nuovo nel 1985. Fu in questo periodo che conquistò la fiducia del fondatore di Hamas, Sheikh Ahmed Yassin.

I due sono diventati “molto, molto legati”, dice Kobi Michael, ricercatore senior presso l’Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale di Tel Aviv. Questo rapporto con il leader spirituale dell’organizzazione avrebbe poi dato a Sinwar un “effetto alone” all’interno del movimento, aggiunge Michael.

Due anni dopo la fondazione di Hamas, nel 1987, creò la temuta organizzazione di sicurezza interna del gruppo, l’al-Majd. Aveva ancora solo 25 anni.

Al-Majd è diventato famoso per aver punito coloro accusati dei cosiddetti reati morali – Michael dice di aver preso di mira i negozi che vendevano “video sessuali” – e per aver dato la caccia e ucciso chiunque fosse sospettato di collaborare con Israele.

Sinwar ha trascorso gran parte della sua vita adulta – oltre 22 anni – nelle carceri israeliane, dal 1988 al 2011. Il tempo trascorso lì, in parte in isolamento, sembra averlo radicalizzato ulteriormente.

“È riuscito a imporre la sua autorità senza pietà, usando la forza”, dice Yaari. Si è posizionato come leader tra i prigionieri, negoziando per loro conto con le autorità carcerarie e imponendo la disciplina tra i detenuti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie