Ucraina. Scoperte 104 camere di tortura in otto Regioni lasciate dall’esercito russo

AgenPress – Le forze dell’ordine hanno trovato 104 camere di tortura lasciate dagli occupanti russi in otto regioni dell’Ucraina.

Lo ha affermato il procuratore generale ucraino Andriy Kostin durante la conferenza internazionale sui diritti umani Libertà e paura.

“In tutti i territori liberati dal nemico sono state scoperte camere di tortura e luoghi di reclusione illegali. Si tratta di 104 camere di tortura in otto regioni dell’Ucraina. La maggior parte di essi è stata trovata nella regione di Kharkiv (25), nella regione di Zaporizhzhia (18), nella regione di Kherson (11) e nella regione di Donetsk (10). Inoltre, sul territorio della Russia sono state [scoperte] altre 19 [camere di tortura – ndr]”, ha detto Kostin.

Secondo i dati della Procura generale ucraina, circa il 90% dei prigionieri di guerra e degli ostaggi subiscono torture e violenze fisiche o psicologiche durante la prigionia russa.

Kostin ha sottolineato che la detenzione di un civile è già un crimine di guerra, mentre la tortura, i trattamenti inumani e l’impossibilità di accedere alla giustizia per una persona sono crimini di guerra separati e i responsabili devono essere puniti.

Il procuratore generale ha affermato che le forze dell’ordine ucraine registrano tali fatti in procedimenti penali aperti. A suo avviso, la tortura rientra nella politica pianificata dal governo russo.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie