Oms. Israele protegga civili e infrastrutture civili, compresi gli ospedali, secondo le leggi di guerra

AgenPress – L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dipinto un quadro desolante della situazione a Gaza e ha invitato Israele “a prendere ogni misura possibile per proteggere i civili e le infrastrutture civili, compresi gli ospedali, secondo le leggi di guerra”.

Secondo le ultime informazioni dell’OMS, ci sono solo 18 ospedali funzionanti a Gaza, di cui tre che forniscono solo pronto soccorso e il resto solo servizi parziali.

Con un numero crescente di palestinesi sfollati mentre la guerra continua, dice l’OMS, “la sorveglianza sindromica ha notato un aumento delle malattie infettive, tra cui infezioni respiratorie acute, scabbia, ittero, diarrea e diarrea sanguinolenta. Anche i rifugi nel sud stanno segnalando casi di sindrome itterica acuta, segnale preoccupante di epatite.” In precedenza, “i sistemi di sorveglianza sindromica cercano di utilizzare i dati sanitari esistenti in tempo reale per fornire analisi e feedback immediati a coloro che sono incaricati delle indagini e del follow-up di potenziali epidemie”.

L’OMS ha avvertito che migliaia di persone saranno probabilmente tagliate fuori dai servizi sanitari a causa dell’aumento delle operazioni di terra da parte di Israele nel sud di Gaza. Gli ospedali aperti stanno funzionando oltre la loro capacità, con un tasso di occupazione dei letti al 171% e le unità di terapia intensiva al 221%, ha affermato l’OMS, sulla base dei dati del Ministero della Salute gestito da Hamas.
Gli operatori dell’OMS hanno definito la situazione al Nasser Medical Complex di Khan Younis “catastrofica, con l’edificio e l’area dell’ospedale gravemente sovraffollati di pazienti e sfollati in cerca di rifugio”.

L’OMS ha dichiarato in un comunicato lunedì sera di aver registrato 203 “attacchi a ospedali, ambulanze, forniture mediche e detenzione di operatori sanitari, attacchi a ospedali, ambulanze e forniture mediche” tra il 7 ottobre e il 28 novembre.

“Ciò è inaccettabile”, si legge nella dichiarazione dell’OMS. “Esistono mezzi per proteggere i civili e le infrastrutture civili e dovrebbero essere istituiti”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie