Henry Kissinger, influente primo segretario di stato, muore a 100 anni

AgenPress. Henry Kissinger fu un brillante stratega diplomatico e una delle figure ebraiche più influenti del 20° secolo, lasciando un’impronta duratura sulla politica globale come segretario di stato e consigliere per la sicurezza nazionale di due presidenti degli Stati Uniti e come consigliere informale di molti altri.

Dopo aver lasciato l’incarico, Kissinger sembrò liberarsi di parte della sua riluttanza ad essere percepito come il campione di Israele, affermando in un discorso del 1977 che “La sicurezza di Israele è un imperativo morale per tutti i popoli liberi”. Nei decenni successivi, difese pubblicamente gli interessi israeliani, sostenendo che l’assenza di pace in Medio Oriente era il prodotto dell’intransigenza araba ed esprimendo scetticismo nei confronti degli sforzi per concludere un accordo nucleare con l’Iran.

Nel 2012, ha ricevuto la più alta onorificenza civile israeliana dal presidente Shimon Peres per il suo “contributo significativo allo Stato di Israele e all’umanità”. Nel 2014 ha ricevuto il Premio Theodor Herzl dal World Jewish Congress. Alla consegna del premio, il presidente del WJC Ronald Lauder ha ricordato che Kissinger aveva detto a Meir di essere innanzitutto americano, secondo segretario di stato e terzo ebreo. Secondo Lauder, Meir ha risposto che andava bene dato che gli israeliani leggono da destra a sinistra.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie