Ucraina. Giornata Dignità e Libertà. Zelensky, dobbiamo essere forti. Perché le persone credono solo nei forti, e solo i forti creano il futuro

AgenPress – “Oggi celebriamo la Giornata della Dignità e della Libertà. È un giorno festivo istituito in onore dell’inizio di due rivoluzioni: la Rivoluzione del 2004 e la Rivoluzione della Dignità di 10 anni fa.

10 anni fa, abbiamo aperto una nuova pagina nella lotta. 10 anni fa gli ucraini lanciarono la loro prima controffensiva. Contro l’illegalità, contro il tentativo di privarci del nostro futuro europeo. Contro la nostra sottomissione.”.

Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pronunciato un discorso in occasione della Giornata della dignità e della libertà.

10 anni fa le persone si univano non solo contro qualcosa, ma soprattutto per se stesse. Tutti per tutti. Tutti coloro che dopo l’arbitrarietà della forza si sentono picchiati, anche feriti, che questi sono colpi alla giustizia e alla verità, alla libertà, al nostro domani comune. Come sarà se rimaniamo in silenzio, lo inghiottiamo e temiamo invece di combattere?

E poi, infatti, è avvenuta la prima vittoria nella guerra di oggi. La vittoria della non-indifferenza. La vittoria del coraggio. La vittoria della Rivoluzione della Dignità. La vittoria della resistenza popolare, della società civile, l’impresa dei Cento Eroi Celesti e di tutti coloro che hanno combattuto per la libertà nella capitale e in altre regioni.

Il nostro popolo ha una lunga strada alle spalle, che abbiamo già superato. Dietro di me oggi ci sono le bandiere dell’Ucraina e dell’Unione Europea. E oggi abbiamo il diritto di dire: questo non è solo un ornamento della piazza, una decorazione, una finzione, questo è un vero simbolo dell’inseparabilità dell’Ucraina dall’Europa, diritto alla quale la nazione ucraina e lo Stato ucraino hanno dimostrato tutto questo tempo.

Anno dopo anno, passo dopo passo, facciamo di tutto per garantire che la nostra stella brilli nel cerchio di stelle sulla bandiera dell’UE, che simboleggia l’unità dei popoli d’Europa. La stella dell’Ucraina.

20 anni fa era un sogno romantico, 10 anni fa era un obiettivo ambizioso e oggi è una realtà in cui non è più possibile fermare il nostro progresso e il completamento di tutte le fasi obbligatorie. Pertanto, il nostro status di candidato e gli ulteriori negoziati di adesione dovrebbero certamente portare alla piena adesione dell’Ucraina all’UE. E stiamo facendo tutto questo nonostante la guerra. Quando i nostri cittadini stanno difendendo se stessi e l’Europa proprio adesso. Perché abbiamo dignità e non permetteremo che ci venga tolta la libertà. Perché dobbiamo tutelare la nostra libertà per non perdere la nostra dignità. Perché conosciamo e ricordiamo una delle importanti saggezze che abbiamo imparato molto tempo fa: quanto è importante non avere paura, quanto è importante combattere.

E ogni volta che cercano di portarci via qualcosa, sempre più persone si oppongono per resistere. Quando le barricate di Maidan si trasformeranno nelle trincee del Donbass, e poi nella resistenza lungo tutta la linea del fronte – nord, sud ed est. Quando la difesa dei valori democratici si trasforma in difesa della sovranità e dell’integrità territoriale. Quando l’opposizione ai dittatori all’interno del paese diventa resistenza agli occupanti e ai terroristi dall’esterno. Quando l’intero Paese si solleverà il 24 febbraio, quando tutta la nostra nazione si alzerà su nuove barricate. Lottare e combattere. Sapere per cosa. Ricordando tutto. Essendo sopravvissuto a numerosi “inverni infuocati”. Sia 10 anni fa che l’anno scorso. Ieri e oggi. Abbiamo combattuto e stiamo ancora combattendo. Sia nel centro della capitale allora, sia adesso alla periferia di Bakhmut. Allora in via Hrushevskoho e vicino a Kharkiv, vicino a Kherson, vicino ad Avdiivka adesso. Tutti coloro che allora lottarono coraggiosamente per la libertà con scudi di legno, che difesero il Paese nei primi giorni delle ostilità nell’est, e tutti coloro che dal 24 febbraio ci difendono in tutte le direzioni. Tutti coloro che non hanno avuto paura dei proiettili di gomma o delle granate stordenti allora, o di tutte le armi e gli equipaggiamenti del cosiddetto secondo esercito del mondo oggi. Coloro che non avevano paura e non hanno paura di uscire per la libertà, avvolti nella bandiera ucraina. Allora in Piazza Indipendenza a Kiev, in Piazza della Libertà a Kherson l’anno scorso. Tutti quelli che allora tirarono fuori altruisticamente i feriti sulla via Instytutska e tutti quelli che lo fanno adesso sul campo di battaglia. Tutti coloro che sanno e dimostrano che dobbiamo lottare e lottare – tutti per tutti. In ogni episodio di confronto. Per un edificio o per l’intera regione. Per una strada o per la riva sinistra dell’intero Paese. Per una barricata o lungo l’intero confine di stato dell’Ucraina.

E oggi si scrive un nuovo ciclo della nostra storia. E oggi spetta alla nostra generazione determinare la direzione che prenderà. Cosa si scriverà di noi nei libri di storia. Cosa diranno di noi i nostri discendenti. “Hanno combattuto ma hanno fallito” o “Hanno combattuto e hanno vinto”?

Come ogni Stato, il nostro ha nella sua storia pagine buie e pagine luminose. Tempi di prosperità e tempi di discordia. Periodi di gloria e periodi di rovina. Che può durare decenni. Possono oscillare da una parte all’altra, come la storia del luogo alle mie spalle. Dalla metà del XIX secolo, quando la Piazza Europea divenne Piazza Tsarskaya. E più tardi: la Terza Piazza Internazionale. E durante l’occupazione, si prevedeva di ribattezzarlo in onore di Hitler. E anche dopo che i nazisti furono espulsi, non ridiventò europea, ma si trasformò in piazza Stalin, e poi in piazza Lenin Komsomol. E tutto questo non sono solo targhe sugli edifici, sono le conseguenze che può avere una svolta sbagliata al bivio della storia.

Quando gli statisti saranno sostituiti da politici sconsiderati. Quando lottano per le poltrone e non per le persone, quando il proprio ego diventa più importante del proprio Paese, quando non resistono fino alla fine e allo status di “leader” viene aggiunto il prefisso “in esilio”, “capo”, ” o “etman”. Quando il nemico riesce a dividere l’unità interna. Quando litighiamo, e poi diventiamo stanchi e disperati. E poi sopravviviamo. In nuovi periodi di nuova prigionia e apolidia. Quando il nemico riesce a minare il sostegno e la solidarietà internazionale. Quando il mondo civilizzato inizierà a cercare compromessi con i terroristi e a fare concessioni ai tiranni. Allora perderemo tutti definitivamente. Ucraina. Europa. Il mondo intero. Perdiamo, pensando ingenuamente che con loro possa esserci un pareggio. Un pareggio è impossibile.

Siamo forti. Dobbiamo essere forti. Perché le persone credono solo nei forti, e solo i forti creano il futuro. Solo i forti possono essere uniti. Uniti per diventare liberi. Libero di essere degno. Per amore dei tempi nuovi. Quando le piazze centrali delle nostre città riceveranno nomi nuovi e per sempre immutati. In onore degli eroi. In onore dei liberatori. Di Mariupol, Berdyansk, Melitopol. In onore della liberazione del Donbass e della Crimea. In onore della riunificazione dell’Ucraina entro i suoi confini. Quando nei libri di storia, tra anni e secoli, il periodo di indipendenza dal 1991 verrà descritto come un periodo continuo.

Anni e secoli da adesso. Quando sentiranno parlare dell’Ucraina come parte integrante dell’Europa, tutte le generazioni future si chiederanno nelle scuole: come avrebbe potuto essere altrimenti? Quando nel nostro calendario accanto ai Giorni dell’Indipendenza, dello Stato, dell’Unità, della Dignità e della Libertà, appare il Giorno della Vittoria. Vittoria dell’Ucraina. Di persone perbene e libere. Con la lettera maiuscola”.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie