Giornata mondiale televisione. Afghanistan. Con i talebani il 50% dei canali televisivi ha interrotto le proprie attività

AgenPress – In occasione della Giornata mondiale della televisione, gli osservatori dei media hanno espresso preoccupazione per la riduzione delle attività dei media in Afghanistan.

NAI, un gruppo di sostegno ai media in Afghanistan, ha affermato in un rapporto che negli ultimi due anni più del 50% dei canali televisivi ha interrotto le proprie attività.

Nel frattempo, alcuni giornalisti hanno espresso preoccupazione per la mancanza di accesso tempestivo alle informazioni.

“Chiedo al governo dell’Emirato islamico di offrire ai giornalisti l’opportunità di coprire le informazioni, in particolare i canali televisivi, in modo che possano trasmettere liberamente le informazioni alla gente”, ha affermato Mustafa Shaharyar, giornalista.

“La TV è uno degli strumenti più potenti per trasmettere il messaggio che gioca un ruolo importante nella mentalità del pubblico”, ha affermato Raqeeb Fayaz, giornalista.

Un funzionario del Comitato per la sicurezza dei giornalisti afghano, Abdul Qadeer Wiar, ha affermato che la televisione svolge un ruolo importante nella società dei media.

“Le sfide economiche colpiscono i media afghani, in particolare i canali televisivi che hanno spese elevate”.

Secondo il Ministero dell’Informazione e della Cultura, nel paese sono attivi circa 360 organi di informazione tra cui TV, stampa e radio.

“Per ora penso che i canali televisivi attivi in ​​Afghanistan siano sufficienti. Il nostro Paese non ha bisogno di molti canali televisivi”, ha affermato Mahajar Farahi, viceministro delle Pubblicazioni del Ministero dell’Informazione e della Cultura.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie