Unicef/Giornata mondiale infanzia: 1 bambino su 5 vive o è fuggito da zone di conflitto

AgenPress. “Ogni anno il 20 novembre, celebriamo la Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza per commemorare l’adozione nel 1989 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CRC) – il trattato sui diritti umani più ratificato della storia. Ratificando questo quadro giuridico internazionale, i leader del mondo hanno riconosciuto che tutti i bambini hanno diritti inalienabili. E hanno promesso che i governi avrebbero garantito la protezione e il rispetto di tali diritti.

Sfortunatamente, i bambini oggi vivono in un mondo sempre più ostile ai loro diritti. In nessun caso ciò è più evidente che nell’esperienza dei bambini colpiti dai conflitti.

Stimiamo che oggi, 400 milioni di bambini – ovvero 1 bambino su 5 – vivono o sono fuggiti da zone di conflitto. Molti sono stati feriti, uccisi o hanno subito violenza sessuale. Stanno perdendo membri della famiglia e amici. Diversi bambini vengono reclutati da gruppi o forze armate. Molti di loro sono sfollati diverse volte, rischiando di essere separati dalle proprie famiglie, perdendo anni essenziali di istruzione e indebolendo i legami con le proprie comunità.

Le Nazioni Unite hanno verificato più di 315.000 gravi violazioni dei diritti dei bambini in aree in conflitto tra il 2005 e il 2022. Questi sono solo i casi verificati, per cui il numero reale delle violazioni è sicuramente molto più elevato.

I diritti dei bambini sono a rischio anche al di là delle zone di conflitto. Altre crisi stanno violando i diritti dei bambini, ed è profondamente preoccupante. Tra queste, l’aumento della povertà e delle disuguaglianze, le emergenze di sanità pubbliche e, naturalmente, la crisi climatica globale.

Il cambiamento climatico, in particolare, è una minaccia esistenziale alla salute e al benessere dell’attuale e delle future generazioni di bambini. A livello globale, più di 1 miliardo di bambini attualmente vive in paesi che sono a rischio “estremamente alto” per gli impatti del cambiamento climatico. Questo significa che metà dei bambini del mondo potrebbe subire danni irreparabili a causa del continuo riscaldamento del nostro pianeta. Potrebbero perdere le proprie case o le scuole a causa di tempeste sempre più violente… potrebbero soffrire di malnutrizione acuta grave a causa dell’inaridimento dei raccolti dovuto alla siccità… o potrebbero perdere la vita a causa di ondate di calore o polmonite dovute all’inquinamento atmosferico.

Da quando la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è stata adottata, 34 anni fa, i diritti dei bambini non sono mai stati così a rischio. Per questo dobbiamo agire adesso. Chiedo a tutti – dall’UNICEF e i nostri partner della comunità per i diritti dell’infanzia ai governi, alle organizzazioni della società civile e al settore privato – di essere più forti nel sostenere e difendere la realizzazione e la protezione dei diritti dei bambini. Ciò significa sostenere l’allineamento dei quadri giuridici nazionali alla Convenzione e ad altri standard internazionali e mettere in pratica tali standard. Significa anche riaffermare lo status dei bambini come titolari di diritti distinti e indipendenti e garantire che coloro che violano i diritti dei bambini siano chiamati a rispondere dei loro atti, ovunque questi si verifichino.

Oggi dovrebbe essere una giornata in cui celebriamo i progressi per i diritti dei bambini in tutto il mondo, ma questi diritti sono sotto attacco. Questo non ci deve scoraggiare, ma farci diventare ancora più decisi a garantire che la promessa della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sia mantenuta, per ogni bambino”.

Molte le iniziative promosse dall’UNICEF Italia in tutte le regioni d’Italia:

Leggi qui:  https://www.unicef.it/media/giornata-mondiale-dell-infanzia-e-dell-adolescenza-iniziative-in-tutta-italia-per-il-diritto-alla-pace/

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie