Il Pakistan sta espellendo i rifugiati afgani alle prese con problemi economici. L’Afghanistan pronto ad accoglierli

AgenPress – Tremila famiglie sono arrivate attraverso Torkham entrando in Afghanistan il 1° novembre. Lo hanno detto i funzionari della direzione dell’informazione e della cultura della provincia di Nangarhar.
I nuovi rimpatriati hanno chiesto alla comunità internazionale di non interrompere gli aiuti al Pakistan legati ai rifugiati e di fornire assistenza a coloro che stanno tornando in Afghanistan.

Il Pakistan sta espellendo i rifugiati che sono alle prese con terribili problemi economici, hanno detto gli afgani tornati dal Pakistan. Hanno esortato gli investitori afghani in Pakistan a spostare i loro investimenti in Afghanistan.

Nel frattempo, funzionari dell’Emirato islamico hanno affermato di essere ben preparati a reinsediare coloro che tornano dal Pakistan e hanno aggiunto di aver preparato una struttura di reinsediamento provvisoria per cinquemila persone al valico di Torkham.

“Abbiamo dei piani per quegli afgani residenti all’estero che non hanno terra in Afghanistan e vogliono investire nel paese. Abbiamo stanziato due miliardi di afghani che saranno spesi per i bisogni primari dei rimpatriati”, ha affermato Khalil Rahman Haqqani, ministro ad interim per i rifugiati e il rimpatrio.

“Dopo che il governo pakistano ha annunciato la scadenza, il numero dei rimpatriati è triplicato e continuano ad arrivare in Afghanistan”, ha detto Qureshi Badlon, funzionario della direzione dell’informazione e della cultura della provincia di Nangarhar.

In seguito alla scadenza annunciata dal governo provvisorio del Pakistan, finora 25.000 famiglie afghane sono tornate a casa attraverso il valico di Torkham, nell’est dell’Afghanistan.

Il secondo vice del Primo Ministro, il Mullah Abdul Salam Hanafi, che ha visitato il valico di Torkham per valutare la situazione degli immigrati afghani deportati dal Pakistan, ha affermato che la deportazione degli immigrati afghani dal Pakistan è contro tutte le norme e i principi internazionali.

Hanafi ha affermato che l’attuale governo afghano è pienamente pronto ad affrontare le sfide dei rifugiati afghani provenienti dal Pakistan.

“La deportazione forzata degli immigrati è contro tutte le norme. Ora che questo si sta facendo e arrivano i nostri fratelli e sorelle, questa è la loro casa. Se ci sono problemi, adesso dobbiamo farlo e questo è un compito obbligatorio. Questa è la loro patria e faremo del nostro meglio”, ha osservato Hanafi.

Ciò avviene in un momento in cui il processo di deportazione degli immigrati afgani dal Pakistan si è intensificato in un modo senza precedenti negli ultimi tre giorni.

Alcuni rimpatriati hanno affermato che molti hanno lasciato le loro case e tutte le loro proprietà in Pakistan, e alcune famiglie sono state addirittura costrette a vendere i propri articoli per la casa a un piccolo prezzo.

Secondo le informazioni fornite dalle autorità locali di Nangarhar, nelle ultime settimane circa 20mila famiglie sono rientrate nel Paese da Torkham.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie