Afghanistan. Numero vittime terremoto nella provincia di Herat sale a 2445. 10mila feriti

AgenPress – Il bilancio delle vittime di una serie di terremoti nell’Afghanistan occidentale è aumentato drasticamente superando le 2445  persone, secondo un portavoce dei talebani, mentre i soccorritori cercavano sopravvissuti tra le rovine dei villaggi rasi al suolo. “Oltre 10.000 sono ferite. Molte altre persone sono ancora sotto le macerie”.

Il terremoto di magnitudo 6,3 di sabato, seguito da otto forti scosse di assestamento, ha scosso aree difficili da raggiungere a 30 km dalla capitale provinciale di Herat, facendo cadere le case rurali e mandando in panico gli abitanti delle città.

“Dodici villaggi a Zindah Jan e sei nel distretto di Ghoryan sono completamente ridotti in macerie. Ci aspettiamo che il bilancio delle vittime aumenterà e sono in corso sforzi per portare fuori le persone”, ha aggiunto il funzionario. “Le squadre di soccorso di Helmand e Kandahar sono arrivate a Herat.

“I sopravvissuti non hanno nulla nella zona. Hanno bisogno di cibo, vestiti, tende e medicine. Il terremoto ha colpito zone molto remote e povere. Molti di loro sono rifugiati tornati di recente dall’Iran e dal Pakistan. Abbiamo sicuramente bisogno di aiuto internazionale.

“Chiediamo a tutti i gruppi umanitari internazionali di aiutarci in questo momento per salvare le vite dei nostri connazionali e delle nostre donne”, ha detto un altro funzionario talebano . “Aiutaci in ogni modo possibile”.

Decine di villaggi sono completamente distrutti e centinaia di persone sono sotto le macerie. Le strade verso molti villaggi sono danneggiate.

Il governatore locale ha affermato che “un numero elevato” di persone nel distretto è morto dopo che più di 10 villaggi sono stati ridotti in macerie. “Chiediamo alla gente di andare ad aiutare le persone [colpite] in questi villaggi”, ha detto Noor Ahmad Islamjar.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha affermato che più di 600 case sono state distrutte o parzialmente danneggiate in almeno 12 villaggi nella provincia di Herat, con 4.200 persone colpite.

L’Afghanistan è già nella morsa di una terribile crisi umanitaria, con il diffuso ritiro degli aiuti esteri in seguito al ritorno al potere dei Talebani nel 2021. Nel giugno 2022, un potente terremoto ha colpito una regione aspra e montuosa nell’est del paese, demolizione di case in pietra e mattoni di fango.

“Alcuni dei feriti sono attualmente ospitati in un hotel e in due scuole, che ospitano anche coloro che hanno perso la casa e i propri cari”, ha detto domenica il governatore di Herat, Noor Ahmad Islamjar, durante un’intervista alla TV di stato. “La gente del posto ha aiutato moltissimo le persone colpite”.

“Abbiamo chiesto assistenza ad alcuni paesi islamici e finora solo la Turchia ha promesso di fornirci un aereo pieno di medicine e tende. Anche l’Iran ha espresso la sua disponibilità ad aiutarci”.

“Con l’avvicinarsi dell’inverno, le aree colpite sperimenteranno presto condizioni estremamente fredde. Molte famiglie non solo hanno perso la casa, ma anche la principale fonte di sostentamento. Hanno urgente bisogno di aiuti immediati e di alloggi adeguati”.

Il terremoto è stato il più mortale avvenuto in Afghanistan negli ultimi due decenni, uccidendo almeno 1.000 persone e ferendone circa 1.500. Il paese è spesso colpito da terremoti, soprattutto nella catena montuosa dell’Hindu Kush, che si trova vicino alla congiunzione delle placche tettoniche eurasiatica e indiana.

Anche la provincia di Herat – che ospita più di 3 milioni di persone al confine con l’Iran – è stata colpita da una siccità durata anni che ha paralizzato molte comunità agricole già in difficoltà.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie