Afghanistan: dopo il terremoto bambini e famiglie a rischio

AgenPress. Ieri mattina un terremoto di magnitudo 6,3 e diverse forti scosse di assestamento hanno colpito l’Afghanistan occidentale nelle province di Herat, Badghis e Farah. Alcune delle aree più colpite si trovano a soli 40 chilometri dalla città di Herat.

Non si conosce ancora l’entità dei danni, ma le prime stime indicano che diverse centinaia di persone, tra cui donne e bambini, hanno perso la vita o sono rimaste ferite.

“Permettetemi di esprimere le nostre più sentite condoglianze alle famiglie in lutto per la perdita dei loro cari”, ha dichiarato Fran Equiza, Rappresentante dell’UNICEF in Afghanistan. “Insieme ai nostri partner, faremo ogni sforzo per portare rapidamente soccorso alle persone colpite”, ha proseguito.

I team dell’UNICEF sono sul campo per contribuire a condurre ulteriori valutazioni. I feriti vengono curati nelle strutture sanitarie vicine, con farmaci di emergenza forniti dall’UNICEF e dai partner. L’UNICEF sta anche fornendo tende d’emergenza per le cliniche sovraccariche.

L’UNICEF ha inviato 10.000 kit per l’igiene, 5.000 kit per le famiglie, 1.500 set di vestiti invernali, oltre a coperte, 1.000 teloni e articoli di base per la casa, che andranno a integrare il sostegno fornito da altre agenzie e partner delle Nazioni Unite.

“Come sempre, l’UNICEF è solidale con la popolazione dell’Afghanistan in questo momento difficile”, ha concluso Equiza.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie