Pakistan. Tutti i richiedenti asilo afghani non autorizzati, 1,7 mln circa, devono lasciare il paese entro novembre

AgenPress – il portavoce dell’Emirato islamico, Zabiullah Mujahid, su X ha affermato che il comportamento del Pakistan nei confronti dei rifugiati afghani è inaccettabile e ha invitato Islamabad a riconsiderare “il suo piano”.

In una conferenza stampa, il ministro ad interim dell’Interno Sarfraz Bugti ha annunciato il 1° novembre come termine ultimo per l’uscita di coloro che risiedono illegalmente nel paese, dopodiché “tutte le forze dell’ordine li deporteranno”, ha detto.

Secondo l’ Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite, alla fine del 2022, il Pakistan ha ospitato più di 1,3 milioni di rifugiati afgani registrati e 427.000 persone in “situazioni simili ai rifugiati” provenienti dall’Afghanistan.

“I rifugiati afghani non sono coinvolti nei problemi di sicurezza del Pakistan”, ha detto Mujahid. “Finché lasciano il Pakistan volontariamente, quel Paese dovrebbe tollerarli”.

L’annuncio di Islamabad segna un nuovo minimo nelle sue relazioni con Kabul, che si erano deteriorate dopo gli scontri lungo la linea Durand tra i vicini dell’Asia meridionale il mese scorso.

Martedì, il ministro degli Interni pakistano, Sarfraz Bugti, ha dichiarato di aver concesso ai rifugiati afghani la scadenza del 1° novembre per partire, sostenendo che 14 dei 24 attentati suicidi avvenuti nel paese quest’anno sono stati compiuti da cittadini afghani.

Bugti ha affermato che circa 1,73 milioni di cittadini afghani in Pakistan non avevano documenti legali per rimanere, aggiungendo che un totale di 4,4 milioni di rifugiati afghani vivevano in Pakistan.

Il governo talebano ha esortato il Pakistan a riconsiderare la sua mossa “inaccettabile”.

Il diritto di cercare rifugio in un paese straniero è sancito dal diritto internazionale. Il Pakistan ha accolto centinaia di migliaia di rifugiati afghani durante decenni di guerra, in particolare da quando i talebani sono tornati al potere in Afghanistan nel 2021.

Secondo le Nazioni Unite, circa 1,3 milioni di afghani sono registrati come rifugiati mentre altri 880.000 hanno ricevuto lo status legale per rimanere.

Ma altri 1,7 milioni di persone si trovano nel paese “illegalmente”, ha affermato martedì Bugti, riferendosi evidentemente a coloro che non hanno ancora ottenuto lo status di rifugiato.

Ha detto che queste persone dovranno lasciare il paese entro la fine del mese, sia volontariamente che attraverso una deportazione forzata.

“Se non se ne vanno… allora tutte le forze dell’ordine delle province o del governo federale verranno utilizzate per deportarli”, ha detto secondo quanto riportato dai media statali. Non ha fornito ulteriori dettagli su come avverrebbe tale operazione.

Ha anche annunciato una task force volta a identificare e confiscare le imprese private e i beni degli afghani “illegali” nel paese.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie