Gli “amici di Putin” e la rete di Prigozhin “osservatori” stranieri nelle “elezioni farsa” delle aree occupate

AgenPress – La propaganda russa sta lavorando diligentemente per creare almeno l’apparenza di un “ampio sostegno internazionale” alla guerra della Russia, mentre il Cremlino attira singoli stranieri nelle sue campagne criminali.

L’aggressione armata della Russia contro l’Ucraina, l’occupazione e il tentativo di annessione di territori costituiscono una grave violazione del diritto internazionale.

Le “elezioni” farsa che i russi hanno tenuto nelle zone occupate delle regioni di Donetsk, Zaporizhzhia, Luhansk e Kherson, così come in Crimea, sono state l’ennesimo atto di violazione della sovranità statale dell’Ucraina, nonché una sfacciata dimostrazione di disprezzo per la comunità internazionale.

La maggioranza assoluta degli Stati indipendenti e delle organizzazioni internazionali, come l’ONU, l’OSCE e il Consiglio d’Europa, non riconoscerà mai come legittime le azioni criminali del Cremlino.

Tuttavia, la propaganda russa sta lavorando diligentemente per creare almeno l’apparenza di un “ampio sostegno internazionale” mentre il Cremlino attira singoli stranieri nelle sue campagne criminali. Quei complici, spinti da motivazioni ideologiche o di altro tipo, accettano di partecipare a una vera e propria farsa, lodando la “democrazia russa”, rimproverando i “nazisti ucraini” e gli “imperialisti occidentali” e chiudendo un occhio sull’occupazione delle terre ucraine.

I cosiddetti “osservatori stranieri” hanno svolto un ruolo speciale nella vergognosa “legittimazione” degli pseudo-referendum del 2014. Facendo appello alla loro partecipazione, il Cremlino ha parlato della conformità dei “plebisciti” alle norme e agli standard internazionali e ha convinto i russi che la Russia aveva molti amici all’estero tra politici, giornalisti e intellettuali.

La propaganda russa ha preferito non menzionare quanto sia costata a Mosca questa “amicizia”. Nel settembre 2022, i russi hanno applicato la stessa tecnica durante pseudo-referendum in quattro regioni dell’Ucraina. Nel corso dell’anno, lo spettacolo si è ripetuto: questa volta, sotto forma di false “elezioni” locali, sincronizzate con l’unico giorno elettorale della Russia.

Secondo il capo della Commissione elettorale centrale russa, Ella Pamfilova, dei 50 stranieri che si sono offerti volontari come “osservatori”, più di 30 sono stati schierati nelle cosiddette “nuove regioni” – i territori occupati dell’Ucraina continentale.

Il Centro per la comunicazione strategica e la sicurezza delle informazioni ha identificato queste persone e ora rivela i loro nomi.

Il gruppo più numeroso è composto da 21 cittadini di paesi europei. Quindici di loro sono cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea. Inoltre, tre cittadini statunitensi, sei dell’America Latina, tre dell’Africa e tre dell’Asia hanno visitato illegalmente i territori occupati dell’Ucraina.

Bosnia ed Erzegovina (Republika Srpska)

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie