Armenia. Oltre 28mila profughi entrano nel paese. Borrell (Ue), c’è urgente bisogno di un accesso umanitario internazionale

AgenPress – Il numero di sfollati forzati che sono entrati in Armenia ha raggiunto 28.120 alle 20:00 del 26 settembre, ha dichiarato il governo armeno in una nota.

La registrazione di 20.800 di loro è completata, mentre per gli altri 7.320 è ancora in corso la valutazione dei bisogni. Il governo armeno sta fornendo alloggi a tutti i bisognosi.

Finora hanno ottenuto un alloggio 3.253 persone su richiesta. Gli altri hanno detto che hanno un posto dove stare. 1.305 sono alloggiati a Syunik, 700 a Vayots Dzor, 833 a Gegharkunik, 268 a Tavush, 147 ad Armavir.

Gli sfollati riceveranno cure e servizi medici gratuiti come parte dell’ordine statale, ha annunciato martedì il ministero della sanità armeno.

Tutti possono rivolgersi alle cliniche più vicine al loro luogo di alloggio per registrarsi ai servizi sanitari assicurati, comprese le cure ambulatoriali gratuite.

L’UE ha annunciato ulteriore assistenza ed è pronta a fare di più, ha dichiarato l’Alto Rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell dopo l’esplosione del deposito di carburante del 25 settembre nel Nagorno-Karabakh.

“I nostri pensieri vanno alle vittime della tragica esplosione di gas di ieri a Stepanakert/Khankendi e ai loro cari. C’è urgente bisogno di un accesso umanitario internazionale senza ostacoli al Nagorno Karabakh. L’UE ha annunciato ulteriore assistenza ed è pronta a fare di più”, ha affermato Borrell su X.

 

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie