Cnn. Immagini satellitari mostrano nuove strutture nei siti di test nucleari in Russia, Cina e Stati Uniti

AgenPress – La Russia, gli Stati Uniti e la Cina hanno costruito nuove strutture e scavato nuovi tunnel nei loro siti di test nucleari negli ultimi anni, come mostrano le immagini satellitari ottenute esclusivamente dalla CNN, in un momento in cui le tensioni tra le tre maggiori potenze nucleari sono salite al culmine. 

Sebbene non ci siano prove che suggeriscano che la Russia, gli Stati Uniti o la Cina si stiano preparando per un imminente test nucleare, le immagini, ottenute e fornite da un eminente analista di studi sulla non proliferazione militare, illustrano le recenti espansioni in tre siti di test nucleari rispetto a pochi anni fa.

Uno è gestito dalla Cina nella regione occidentale dello Xinjiang, uno dalla Russia in un arcipelago dell’Oceano Artico e un altro dagli Stati Uniti nel deserto del Nevada.

Le immagini satellitari degli ultimi tre-cinque anni mostrano nuovi tunnel sotto le montagne, nuove strade e strutture di stoccaggio, nonché un aumento del traffico di veicoli in entrata e in uscita dai siti, ha affermato Jeffrey Lewis, professore a contratto presso il James Martin Center for Nonproliferation. Studi presso il Middlebury Institute of International Studies.

“Ci sono davvero molti indizi che stiamo vedendo che suggeriscono che Russia, Cina e Stati Uniti potrebbero riprendere i test nucleari”, ha detto, qualcosa che nessuno di questi paesi ha fatto da quando i test nucleari sotterranei sono stati banditi dal Comprehensive Nuclear Test del 1996. Trattato di divieto. La Cina e gli Stati Uniti hanno firmato il trattato, ma non lo hanno ratificato.

Il colonnello in pensione dell’aeronautica americana Cedric Leighton, ex analista dell’intelligence, ha esaminato le immagini dei siti nucleari delle tre potenze ed è giunto a una conclusione simile.

Mosca ha ratificato il trattato, ma il presidente russo Vladimir Putin ha detto a febbraio che avrebbe ordinato un test, se gli Stati Uniti si fossero mossi per primi, aggiungendo che “nessuno dovrebbe avere pericolose illusioni che la parità strategica globale possa essere distrutta”.

Gli ampliamenti rischiano di innescare una corsa per modernizzare le infrastrutture per i test sulle armi nucleari in un momento di profonda sfiducia tra Washington e i due governi autoritari, dicono gli analisti, anche se l’idea di un vero e proprio conflitto armato non è considerata imminente.

“La minaccia derivante dai test nucleari deriva dalla misura in cui essi accelerano la crescente corsa agli armamenti tra gli Stati Uniti da un lato, e Russia e Cina dall’altro”, ha detto Lewis. “La conseguenza di ciò è che spendiamo ingenti somme di denaro, anche se non diventiamo più sicuri.”

Anche se l’anno scorso l’esercito russo stava invadendo l’Ucraina, gli analisti hanno visto anche un’espansione del sito di test nucleari del paese a Novaya Zemlya, nell’arcipelago dell’Oceano Artico.

A metà agosto, secondo il Ministero della Difesa russo, la struttura ha ricevuto rinnovata attenzione quando il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha effettuato una visita.

Il sito di Novaya Zemlya fu utilizzato per la prima volta dall’Unione Sovietica per condurre test nucleari nel 1955 fino all’ultima esplosione sotterranea dell’URSS nel 1990. Durante quel periodo, il sito vide un totale di 130 test che coinvolsero più di 200 dispositivi, secondo uno studio pubblicato su la rivista Scienza e sicurezza globale.

Le immagini satellitari ottenute dalla CNN hanno mostrato che nel sito di prova di Novaya Zemlya sono stati effettuati estesi lavori dal 2021 al 2023, con navi e nuovi container in arrivo al suo porto, strade mantenute sgombre in inverno e tunnel scavati in profondità nelle montagne artiche. .

“Il sito di test russo è ora aperto tutto l’anno, li vediamo rimuovere la neve dalle strade, li vediamo costruire nuove strutture”. Ha detto Lewis.

Vicino a queste strutture ci sono tunnel dove la Russia ha effettuato test in passato, ha detto Lewis. “Negli ultimi cinque o sei anni abbiamo visto la Russia scavare nuovi tunnel, il che suggerisce che è pronta a riprendere i test nucleari”, ha aggiunto.

“Per me è abbastanza chiaro che i russi si stanno preparando per un possibile test nucleare”, ha aggiunto Leighton, ex ufficiale dell’intelligence dell’aeronautica americana e ora analista della CNN. Ma ha offerto quelli che ha definito importanti “avvertenze”.

“I russi potrebbero cercare di arrivare fino in fondo facendo tutti i preparativi per un test nucleare, ma non effettuandone effettivamente uno. In sostanza, lo farebbero per ‘spaventare’ l’Occidente”, ha detto Leighton.

Mosca non ha risposto alla richiesta della CNN di commentare questo argomento, e non c’è modo di sapere esattamente cosa sta succedendo nascosto alla vista dei satelliti.

Gli Stati Uniti, la prima potenza nucleare al mondo, hanno condotto 1.032 test, il primo nel 1945 e l’ultimo nel 1992, secondo i dati delle Nazioni Unite . L’Unione Sovietica – ora Russia – ne ha condotti 715 tra il 1949 e il 1990, mentre la Cina ne ha condotti 45 tra il 1964 e il 1996.

Lewis ritiene che la necessità che Stati Uniti, Russia e Cina siano i primi a sviluppare le armi “esotiche” del futuro instilli anche la necessità di test nucleari di questi possibili sistemi.

Alcuni di questi potrebbero presto entrare nell’arsenale russo, dato che Putin si è vantato di armi come un siluro apocalittico dotato di armi nucleari e un missile da crociera a propulsione nucleare.

“Siamo sull’orlo di questo tipo di futuro fantascientifico in cui stiamo resuscitando tutte queste terribili idee della Guerra Fredda”. 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie