Armenia. “Pulizia etnica nel Nagorno Karabakh con approvazione dell’UE”. Lettera al presidente Charles Michel

AgenPress – Il movimento Europeans for Artsakh ha scritto una lettera al presidente del Consiglio europeo Charles Michel, chiedendo ancora una volta che l’UE adotti misure efficaci e decisive per contenere il regime autoritario dell’Azerbaigian e la sua politica fascista nel Nagorno Karabakh/Artsakh. Lo riporta armenpress.am.

Di seguito è riportata la lettera intitolata “Pulizia etnica nel Nagorno Karabakh con l’approvazione dell’UE”.

“Dopo nove mesi di blocco, di fame e di tutti i metodi di intimidazione, il 19 settembre l’Azerbaigian ha scatenato un’aggressione militare su larga scala contro i 120.000 abitanti armeni indigeni del Nagorno Karabakh/Artsakh, tra cui 30.000 bambini. Da ieri diverse centinaia di armeni, compresi bambini, sono stati uccisi dall’esercito azerbaigiano. La popolazione nativa armena, che vive nel Nagorno Karabakh/Artsakh da millenni, è ora costretta a sottomettersi a una dittatura petrolifera, con il silenzioso appoggio di tutti i principali attori, compresa l’UE. Inutile dire che le forze di pace russe hanno la responsabilità primaria, ma l’UE ha chiaramente avuto abbastanza potere per prevenire questa catastrofe.

“Abbiamo apprezzato i tuoi sforzi come principale mediatore in questa situazione altamente complessa. Come cittadini dell’UE credevamo che un’unione politica come l’UE, che afferma di difendere i diritti umani, avrebbe adottato misure efficaci per contenere l’Azerbaigian, o almeno avrebbe imposto sanzioni mirate. Quando abbiamo sollevato la questione ai rappresentanti dell’UE, ci è stato detto che “le sanzioni non permetterebbero di negoziare con l’Azerbaigian”. Allora, dove hanno portato finora i negoziati e questo approccio ha reso l’Azerbaigian più costruttivo? Purtroppo la risposta è piuttosto ovvia. Bisogna essere ingenui o ignoranti per non sapere che difendere l’integrità territoriale dell’Azerbaigian in queste circostanze e la cosiddetta reintegrazione della popolazione indigena armena del Nagorno Karabakh sotto il dominio azerbaigiano significa pulizia etnica e genocidio. Riteniamo che la leadership dell’UE non sia né ingenua né ignorante. Ancora, l’UE sostiene questo approccio che è inaccettabile sotto qualsiasi punto di vista morale e umano. Purtroppo oggi è il giorno in cui è diventato chiaro ancora una volta che i calcoli geopolitici e pochi metri cubi di gas di un regime autoritario come l’Azerbaigian, che di fatto include indirettamente anche il gas russo attraverso i gasdotti azeri, sostituiscono i diritti umani e le vite umane. Tuttavia, crediamo che i diritti umani siano più di uno strumento utilizzato ovunque sia conveniente e ogni volta che rafforzano interessi geopolitici”.

A nome di “Europeans for Artsakh”, una piattaforma collaborativa paneuropea, creata dai rappresentanti delle comunità armene e dai difensori dei diritti umani in tutta Europa, in quanto cittadini dell’UE”.

Il Movimento Europeans for Artsakh è un movimento di sostegno composto da 500 organizzazioni provenienti da 17 paesi,*  tra cui più di 200 dalla Francia, che si sono uniti per denunciare congiuntamente le attuali condizioni in cui è condannato l’Artsakh. Il movimento mira ad allertare le istituzioni politiche europee e gli Stati europei sulla situazione nell’Artsakh, a difendere il suo diritto all’autodeterminazione e a chiedere la revoca del blocco imposto dall’Azerbaigian dal 12 dicembre 2022. Invita l’Unione europea a rimanere fedele ai suoi valori fondanti di promozione della pace e del benessere dei popoli, della dignità umana, della libertà di movimento e della lotta contro la discriminazione.

*15 paesi europei e 2 extra UE: Francia, Germania, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Spagna, Grecia, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia e 2 paesi extra UE: Svizzera, Regno Unito .

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie