123 studiosi turchi avvertono del chiaro pericolo di pulizia etnica e genocidio degli armeni nel Nagorno-Karabakh

AgenPress – 123 intellettuali turchi hanno rilasciato una dichiarazione in cui mettono in guardia contro la politica genocida portata avanti dall’Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh e chiedono alla comunità internazionale di agire e prevenire nuove tragedie umane invece di restare nel ruolo di osservatore.

Nella dichiarazione fornita ad ARMENPRESS, gli studiosi turchi hanno notato che il regime azerbaigiano, che ha bloccato il Nagorno-Karabakh per nove mesi, ha lanciato operazioni militari davanti al mondo intero durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

“L’Azerbaigian ha effettuato questo attacco con il sostegno esplicito della Turchia e di Israele, mentre il mondo intero osservava in silenzio ciò che stava accadendo. Esiste un chiaro pericolo di pulizia etnica e di genocidio”, hanno affermato gli studiosi turchi nella dichiarazione, sottolineando che gli avvertimenti dell’ex procuratore capo della CPI M. Ocampo si stanno trasformando uno dopo l’altro in realtà.

Gli intellettuali turchi hanno ricordato che l’Azerbaigian ha ignorato e trascurato molti paesi e organizzazioni internazionali che chiedevano la fine del blocco. E ora, secondo gli studiosi, non ha senso aspettarsi che il regime di Baku presti ascolto agli appelli a cessare le ostilità nel Nagorno-Karabakh.

“Loro [l’Azerbaigian] cercano di prendere il controllo completo del Nagorno Karabakh, dell’Artsakh, e di sterminare gli armeni dai territori in cui gli armeni hanno vissuto per secoli, e in caso di resistenza semplicemente di ucciderli. L’obiettivo del dispotico Azerbaigian è uno solo: porre fine con la violenza all’esistenza degli armeni entro i confini tracciati con la forza”, si legge nella dichiarazione. Gli intellettuali hanno notato che, proprio come gli azeri hanno distrutto il cimitero armeno di Julfa, cancelleranno gli armeni e le tracce armene dall’Artsakh.

Gli intellettuali turchi, esprimendo profonda preoccupazione per gli sviluppi, hanno sottolineato che la comunità internazionale non sta facendo abbastanza. “Ripetiamo ancora una volta, prevenire il genocidio non significa aspettare che accada e poi soltanto intervenire. Prevenire il genocidio significa innanzitutto intraprendere azioni attive. Chiediamo a tutti i paesi, guidati dall’ONU, a tutte le organizzazioni internazionali e alla comunità internazionale, di assumere una posizione attiva”, si legge nella dichiarazione.

Gli studiosi hanno chiesto l’evacuazione dei civili rimasti in ostaggio nella regione e la fornitura di aiuti umanitari. “Deve essere garantito il diritto del popolo del Nagorno-Karabakh di esercitare liberamente il proprio diritto di essere cittadino di qualsiasi Paese”.

I firmatari includono Taner Akcam, Baskin Oran, Sait Cetinoglu, Cengiz Aktar, Aris Nalci, Eren Keskin e altri.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie