Cina. Pechino convoca l’ambasciatore tedesco dopo che il ministro degli Esteri ha definito Xi Jinping un “dittatore”

AgenPress –  Pechino ha convocato l’ambasciatore tedesco in Cina dopo che il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha definito il presidente Xi Jinping un “dittatore”, ha detto Berlino, nell’ultima riacutizzazione delle tensioni tra i paesi.

Sebbene siano importanti partner commerciali, i legami tra Berlino e Pechino si sono logorati poiché alcuni nel governo tedesco hanno adottato una linea più dura su questioni che vanno dai diritti umani a Taiwan.

Baerbock, che ha spinto per una linea più aggressiva , ha espresso queste osservazioni in un’intervista a Fox News giovedì durante una visita negli Stati Uniti.

Parlando della guerra in Ucraina, ha detto: “Se Putin dovesse vincere questa guerra, che segno sarebbe per gli altri dittatori nel mondo, come Xi, come il presidente cinese? Quindi l’Ucraina deve vincere questa guerra”.

Un portavoce del Ministero degli Esteri a Berlino ha confermato all’AFP che l’ambasciatore tedesco “è stato convocato al Ministero degli Esteri cinese [domenica]” in relazione a queste osservazioni.

La conferma che la Cina ha convocato l’ambasciatrice Patricia Flor è arrivata dopo che la Cina aveva dichiarato lunedì scorso di essere “fortemente insoddisfatta” delle osservazioni di Baerbock.

“I commenti sono estremamente assurdi e costituiscono una grave violazione della dignità politica della Cina e un’aperta provocazione politica”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning in una conferenza stampa quotidiana.

A giugno, Pechino avrebbe rimproverato l’ambasciatore americano in Cina dopo che anche il presidente Joe Biden aveva definito Xi un “dittatore”.

Alla domanda sulle proteste della Cina per le sue osservazioni durante una visita a New York, Baerbock ha risposto solo che ne aveva “preso nota”.

Un portavoce del governo ha rifiutato di commentare quale fosse il punto di vista del cancelliere Olaf Scholz riguardo a queste osservazioni.

Ma il portavoce ha aggiunto che è chiaro “che la Cina è governata da un regime comunista e monopartitico, ed è anche chiaro che ciò non corrisponde alla nostra idea di democrazia”.

Pechino lo ha fatto anche dopo che il ministro dell’Istruzione tedesco ha visitato Taiwan a marzo, la prima visita tedesca a livello di gabinetto nell’isola in 26 anni.

Pechino rivendica Taiwan come proprio territorio da conquistare un giorno, e ha intensificato la pressione sull’isola democratica e autogovernata.

Inoltre, l’inviato tedesco è stato chiamato a intervenire in seguito a una dichiarazione dei ministri degli Esteri del G7 su Taiwan nell’agosto 2022, quando la Germania deteneva la presidenza del gruppo.

La Germania sta adottando una linea più dura nei confronti della Cina e, a luglio, ha pubblicato una nuova politica contro una Cina più “assertiva” dopo mesi di dispute all’interno del governo sulla sua strategia. Segna un sottile equilibrio tra le due diverse posizioni nel governo di coalizione, definendo Pechino un “partner, concorrente, rivale sistemico”.

Baerbock, del partito dei Verdi, ha chiesto una posizione più dura e una maggiore enfasi sui diritti umani, mentre Scholz, un socialdemocratico, ha sostenuto una posizione più favorevole al commercio.

Crescono inoltre le preoccupazioni a Berlino riguardo agli investimenti cinesi potenzialmente rischiosi in patria e alla forte dipendenza delle imprese tedesche dal fare affari in Cina.

All’inizio di questa settimana, una fonte ha confermato che la Germania aveva bloccato la completa acquisizione cinese di una startup satellitare volta a rivaleggiare con Starlink per motivi di sicurezza nazionale.

L’anno scorso il governo ha bloccato la vendita di due produttori di chip agli investitori cinesi per motivi di sicurezza.

La proposta di vendita di una partecipazione nel porto di Amburgo a un’azienda cinese ha scatenato una furiosa polemica politica, ma Scholz alla fine ha approvato l’acquisizione di una partecipazione, anche se di dimensioni ridotte.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie