L’Ucraina vuole citare in giudizio Polonia, Ungheria e Slovacchia per divieto importazione grano

AgenPress – Kiev intende citare in giudizio la Polonia, l’Ungheria e la Slovacchia per aver rifiutato di revocare il divieto temporaneo di esportazione dei prodotti agricoli ucraini, ha riferito il rappresentante commerciale ucraino Taras Kachka.

In un’intervista a Politico , Kachka ha detto che l’Ucraina prevede di avviare un procedimento legale lunedì e che reagirà prendendo di mira le esportazioni di frutta e verdura dalla Polonia.

Le osservazioni di Kachka arrivano dopo che l’Unione Europea ha dichiarato venerdì di voler sospendere il divieto temporaneo sull’esportazione di grano, mais, colza e semi di girasole ucraini verso Bulgaria, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia. La misura è stata adottata per contrastare il rischio che gli agricoltori di questi paesi vengano colpiti dal collo di bottiglia del grano ucraino a basso costo.

Tuttavia, Polonia, Ungheria e Slovacchia si sono opposte alla decisione della scorsa settimana e hanno affermato che l’avrebbero sfidata.

Kachka ha aggiunto che Kiev intende citare in giudizio i paesi presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio piuttosto che attraverso il proprio accordo commerciale con l’UE. 

Ha aggiunto che tali atti di sfida mostrano una mancanza di unità all’interno del blocco e pongono una “preoccupazione sistemica”.

“Penso che tutto il mondo dovrebbe vedere come si comportano gli stati membri dell’UE nei confronti dei partner commerciali e della propria Unione, perché questo può influenzare anche altri stati”, ha detto Kachka.

Il ministro spagnolo dell’Agricoltura ha avvertito che la mossa di Polonia, Slovacchia e Ungheria di imporre divieti unilaterali sull’importazione di grano ucraino potrebbe essere illegale. 

“Il fatto che un paese membro – non sto giudicando un paese membro, ma qualsiasi paese membro – intraprenda un’azione unilaterale restringendo quello che è l’accesso al mercato unico, mi sembra qualcosa che è fuori legge”, Luis Planas Puchades ha detto ai giornalisti mentre si recava alla riunione dei ministri dell’agricoltura dell’UE a Bruxelles.

Puchades ha affermato che spetterà alla Commissione europea giudicare se i divieti unilaterali sono illegali, aggiungendo che i rappresentanti della Commissione informeranno i ministri sulle possibili azioni di follow-up lunedì pomeriggio. 

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie