Caivano. Melillo (proc. naz. Antimafia). Qui è mancato lo Stato. Soldi superbonus andavano spesi per le periferie

AgenPress – “Lo Stato ha fallito, ma non nel senso che non c’è stato proprio, ma nel senso che qui c’è stata solo una parte dello Stato. Posso testimoniare che la Procura Distrettuale di Napoli ha sempre considerato Caivano una priorità, ma non basta. Quello che è mancato è lo Stato dell’inclusione sociale, della protezione sociale, quella parte di Stato cui competono politiche educative”.

Lo ha detto il procuratore nazionale Antimafia Giovanni Melillo giunto al parco Verde a dare solidarietà alla comunità alle porte di Napoli di nuovo al centro delle cronache per le violenze consumate ai danni delle due cuginette. Qui ha incontrato Don Maurizio Patriciello.

“Questo Stato è mancato, qui come in altri luoghi, e questo deficit assume i contorni della fuga dalle responsabilità delle classi dirigenti. Attorno a questo  la comunità di Caivano deve sviluppare una domanda non semplicemente di sicurezza ma di emancipazione. Spero che ai provvedimenti repressivi se ne accompagnino altri per nuovi assistenti sociali o per nuovi campi dove far fare sport ai ragazzi. Questo perché quando lo Stato non c’è è anche perché viene meno la domanda di Stato”.

“I provvedimenti legislativi – ha proseguito il magistrato Antimafia – sono una soluzione ai problemi generali ma Caivano non può fermarsi qui. Tornerò nei prossimi mesi – l’impegno del procuratore – credo che questo cammino vostro debba continuare su altri versanti e Caivano deve diventare promotore di un patto di impegno civile che deve riguardare tutte le persone di qui”.

“Penso sia importante  quello che è accaduto nelle scorse settimane qui con il Presidente del Consiglio che è venuto a Caivano assieme ad alcuni ministri. E trovo incredibile che ci si possa dividere sul fatto che sia importante che lo Stato dimostri capacità di essere presente. Su alcuni argomenti come mafia, corruzione, il Paese non deve dividersi mai. Credo che su questo terreno non siano consentite divisioni che rischiano di far marcire le radici di una comunità democratica ed è importante che sia stato Caivano a offrire questa prova”.

“Ai caivanesi – ha proseguito Melillo – dico ancora una volta di riconoscersi il merito di essere stati bravi a ottenere cose importanti perché molte di quelle misure approvate non sono valide solo per Caivano. A partire da quelle sulla delinquenza minorile con un minore che ora sa che può essere arrestato se porta una pistola ma anche che per lui non si butterà la chiave ma che ci sarà sempre un percorso di riabilitazione. Ci sono questioni – ha ribadito Melillo – su cui bisogna riconoscere le cose positive o negative fatte prescindendo da ogni considerazione di parte o a prescindere da chi le faccia. E su Caivano sono state date risposte concrete e alcune, per quanto piccole, hanno anche un grande valore simbolico”.

“Col mio ufficio ultimamente ci stiamo occupando anche delle truffe relative alla misura del 110%. Lo dico da cittadino, oltre che da magistrato, se quelle risorse fossero state utilizzate piuttosto che per rifare ville e castelli anche solo in parte per restituire dignità alle periferie o a luoghi poco decorosi, se quelle risorse fossero state spese diversamente, forse non ci troveremmo con i problemi che abbiamo di fronte qui come in altri luoghi”.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie