Ucraina. Nonostante la guerra 35.000 ebrei si sono recati ad Uman per il capodanno ebraico

AgenPress –  Nonostante il timore della guerra e delle bombe russe, più di 35.000 ebrei  da tutto il mondo si sono recati ad Uman, in Ucraina, per celebrare Rosh Hashanah, il capodanno ebraico .

“Andare a festeggiare in massa in una zona di guerra è una follia”, ha detto Azoulay Ruben, un dentista tirocinante di 22 anni di Parigi. “Ma allo stesso tempo, è una cosa bellissima.”

Rosh Hashanah è una festa di due giorni che cade a settembre o ottobre, segnando l’inizio dei giorni santi. In Israele , viene solitamente celebrato con visite familiari e cibo: tradizionalmente, le mele immerse nel miele vengono mangiate per simboleggiare le speranze per un anno “dolce” a venire.

Per i seguaci del rabbino Nachman di Breslov, invece, Rosh Hashanah è un’occasione per fare festa. Nachman, pronipote del fondatore di quello che oggi è ampiamente conosciuto come giudaismo chassidico, un ramo dell’ultra-ortodossia, trascorse gli ultimi mesi della sua vita nella città ucraina di Uman, 125 miglia (200 km) a sud di Kiev, e morì nel 1810.

Nel 1941, i tedeschi deportarono l’intera comunità ebraica di Uman, uccidendo 17.000 ebrei e distruggendo il cimitero ebraico locale, compreso il luogo di sepoltura di Nachman, che alla fine fu recuperato e trasferito. Circa 1 milione di ebrei ucraini sono stati uccisi durante l’Olocausto.

 A 200 anni dopo la morte di Breslov, gli ebrei fanno ancora dei pellegrinaggi sulla sua tomba a Rosh Hashanah.

“Molti vengono qui per pregare”, dice Natan Ben Noon, il rabbino capo di Uman. “Ma vi assicuro che l’80% dei visitatori non sono religiosi. Vengono qui solo per divertirsi”.

Ogni anno è come se una fetta ultraortodossa di Gerusalemme fosse stata trasportata nella tranquilla città di Uman, con i suoi 80.000 abitanti. Le strade sono piene di negozi che accettano volentieri pagamenti in shekel, gli uomini indossano lunghi cappotti neri o vesti bianche da preghiera, e le pubblicità e i segnali stradali sono scritti in ebraico. Tuttavia, prima di accendere la musica techno, a mezzogiorno è il momento di raccogliersi in strada in preghiera per il Tikkun HaKlali (il rimedio generale), con migliaia di fedeli che recitano all’unisono una serie di 10 versi dei Salmi.

Funzionari israeliani e ucraini hanno chiesto ai fedeli di stare lontani quest’anno. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy, anche lui ebreo, hanno parlato la settimana scorsa in una conversazione in cui il leader ucraino ha chiarito che “non c’erano abbastanza rifugi a Uman per i residenti locali, per non parlare degli stranieri”. 

La città è stata colpita l’ultima volta da missili russi a giugno, mentre ad aprile sono stati uccisi 23 civili , tra cui tre bambini, dopo che più di 20 missili russi a lungo raggio hanno colpito un quartiere residenziale.

“I cittadini israeliani che si recano in Ucraina in questo momento devono agire in modo responsabile riguardo ai loro viaggi”, ha affermato Netanyahu in una nota . “Dio non ci ha sempre protetto, soprattutto in Europa… Bisogna capire che in Israele, quando i missili cadono su di noi, i cittadini entrano nei rifugi e c’è protezione. Lì non ci sono rifugi né protezione”.

Nonostante gli avvertimenti, da mercoledì erano arrivati ​​a Uman più di 35.000 visitatori stranieri, la maggior parte provenienti da Israele e altri dalla Francia e dagli Stati Uniti.

L’arrivo di migliaia di pellegrini ebrei in Ucraina non aiuta la propaganda del Cremlino, che ha persistentemente sostenuto la necessità di “denazificare” il paese da quando ha lanciato l’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Tuttavia, le autorità ucraine temono che i sabotatori russi possano infiltrarsi tra la folla e creare intenzionalmente problemi per poi incolpare Kiev. Sono stati dispiegati circa 1.000 agenti delle forze dell’ordine e allestiti altri 24 rifugi antiaerei per garantire la sicurezza del pellegrinaggio.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie