Libia. 11mila vittime, 10mila persone scomparse. Cadaveri sulle spiagge di Tobruk. Altre vittime da malattie ed esplosivi

AgenPress – Le autorità libiche hanno evacuato  i residenti di una città inondata e ne hanno limitato l’accesso, mentre i ricercatori scavavano nel fango e scavavano edifici alla ricerca di 10.000 persone scomparse a causa dell’alluvione che ha già ucciso più di 11.000 persone .

Le autorità hanno avvertito che le malattie e gli esplosivi trasportati dalle acque potrebbero causare ancora più vittime. Due dighe sono crollate a causa delle piogge eccezionalmente forti causate dalla tempesta mediterranea Daniel all’inizio di lunedì, facendo precipitare un muro d’acqua alto diversi metri lungo una valle che taglia la città di Derna.

Cumuli di lamiere contorte e auto allagate ricoprono le strade di Derna, incrostate di fango marrone chiaro. Le squadre hanno seppellito i corpi in fosse comuni fuori città e nelle città vicine, ha detto il ministro della sanità della Libia orientale, Othman Abduljaleel.

Ma i funzionari temevano che altre migliaia dovessero ancora essere trovate.  Scoperta macabra sulle spiagge di Tobruk, dove si stanno arenando i corpi delle vittime delle inondazioni di Derna, a 140 chilometri di distanza, trascinate in mare dalla violenza delle acque.  Nasir Almnsori, un ingegnere che vive nella città, ha raccontato che i cadaveri sono alla deriva nelle vicinanze, trasportati dalle correnti. Alcuni membri della famiglia di Almnsori sono morti a Derna.

I corpi “stanno ricoprendo le strade, tornando a riva e sepolti sotto edifici crollati e detriti”, ha detto Bilal Sablouh, responsabile regionale della medicina legale per l’Africa presso il Comitato internazionale della Croce Rossa. “In sole due ore, uno dei miei colleghi ha contato oltre 200 corpi sulla spiaggia vicino a Derna”.

I sommozzatori stanno anche setacciando le acque costiere al largo della città.

Adel Ayad, un sopravvissuto all’alluvione, ricorda di aver visto l’acqua salire fino al quarto piano del suo edificio. “Le onde hanno spazzato via le persone dalle cime degli edifici e abbiamo potuto vedere persone trasportate dall’acqua”, tra cui i suoi vicini. 

Per consentire alle squadre di emergenza di svolgere il proprio lavoro, i residenti sarebbero stati evacuati da Derna e solo le squadre di ricerca e soccorso avrebbero potuto entrare, ha annunciato giovedì scorso Salam al-Fergany, direttore generale del servizio di ambulanza e di emergenza nella Libia orientale.

I funzionari sanitari hanno avvertito che l’acqua stagnante apre la porta alle malattie, ma hanno affermato che non è necessario affrettare le sepolture o mettere i morti in fosse comuni, poiché i corpi di solito non rappresentano un rischio in questi casi.

«C’è molta acqua stagnante. Ciò non significa che i cadaveri rappresentino un rischio, ma significa che l’acqua stessa è contaminata da tutto”, ha detto ai giornalisti a Ginevra la dott.ssa Margaret Harris, portavoce dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Quindi bisogna davvero concentrarsi per garantire che le persone abbiano accesso all’acqua sicura”.

Imene Trabelsi, portavoce del Comitato internazionale della Croce Rossa, ha avvertito che nel fango si nasconde un altro pericolo: mine antiuomo e altri residui esplosivi lasciati dal lungo conflitto del paese.

In Libia sono rimasti esplosivi risalenti alla seconda guerra mondiale, ma la maggior parte proviene dal conflitto civile iniziato nel 2011. Tra il 2011 e il 2021, secondo l’organizzazione internazionale, circa 3.457 persone sono state uccise e ferite dalle mine antiuomo e dai resti di armi esplosive in Libia. Monitoraggio delle mine terrestri e delle munizioni a grappolo.

Anche prima dell’inondazione, Trabelsi ha affermato che la capacità di individuare e sminare le aree era limitata. Dopo le inondazioni, ha detto, gli ordigni esplosivi potrebbero essere stati spostati in “nuove aree non rilevate” dove potrebbero rappresentare una minaccia immediata per le squadre di ricerca e una minaccia a lungo termine per i civili.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie