Ucraina. La Corte Penale Internazionale apre un ufficio a Kiev per indagare sui crimini di guerra commessi dai russi

AgenPress – La Corte penale internazionale (CPI) ha aperto un ufficio sul campo a Kiev per aiutarla a indagare sui crimini di guerra commessi in Ucraina a seguito dell’invasione su vasta scala della Russia nel febbraio 2022.

Annunciando il trasferimento nella capitale ucraina, il procuratore capo della Corte penale internazionale Karim Khan ha affermato che la guerra è stata un momento di grande responsabilità per la Corte che ha richiesto perseveranza e resistenza. 

“Dobbiamo dimostrare che gli standard fondamentali dell’umanità significano qualcosa”, ha affermato Khan parlando insieme al procuratore generale ucraino Andriy Kostin, il cui ufficio afferma di aver raccolto prove relative a oltre 100.000 crimini di guerra e crimini di aggressione commessi da soldati russi. I due uomini hanno anche detto che stavano cercando di aggiungere attacchi informatici e crimini ambientali al loro carico di casi di crimini di guerra, cosa che secondo Kostin era qualcosa “mai fatto prima”.

A marzo, la Corte penale internazionale ha emesso mandati di arresto per crimini di guerra nei confronti di Vladimir Putin e Maria Lvova-Belova, commissaria russa per i diritti dell’infanzia, in relazione al presunto trasferimento forzato di bambini ucraini in Russia, ma non vi è alcuna aspettativa che la Corte sarà in grado di prendere in carico su qualcosa di diverso da una frazione del numero totale di casi.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie