Taiwan respinge l’affermazione di Elon Musk secondo cui è “parte integrante della Cina”

AgenPress – Il ministro degli Affari esteri Joseph Wu ha respinto l’affermazione di Elon Musk secondo cui Taiwan è “parte integrante della Cina” e ha notato il blocco da parte di Pechino della sua piattaforma di social media X (ex Twitter). .

Durante un’intervista su “All In Podcast”, Musk è stato interrogato sul cambiamento nella politica americana nei confronti di Pechino, dove secondo lui le relazioni sono gestite dalla prospettiva di un amministratore delegato con molteplici rapporti commerciali in Cina. Musk ha negato di avere molti legami d’affari in Cina oltre alla vendita di automobili e alla fabbrica Tesla, ma ha affermato di avere una comprensione della Cina basata sui suoi incontri con gli alti leader del Partito Comunista Cinese (PCC) nel corso degli anni.

Musk ha affermato che il punto cruciale delle relazioni tese tra Washington e Pechino è Taiwan. Ha detto che per oltre mezzo secolo la politica di Pechino è stata quella di “riunire” Taiwan con la Cina.

Il magnate della tecnologia ha poi affermato che il conflitto tra Cina e Taiwan è “analogo alle Hawaii o qualcosa del genere”. Ha poi affermato che Taiwan è “parte integrante della Cina, cioè arbitrariamente non fa parte della Cina”.

Musk ha poi affermato che Taiwan deve ancora “riunificarsi” con la Cina principalmente perché la flotta statunitense del Pacifico ha “fermato con la forza qualsiasi tentativo di riunificazione”. Ha avvertito che la forza militare della Cina aumenta ogni anno, mentre la potenza militare degli Stati Uniti nella regione è “più o meno statica”.

Secondo lui è difficile difendere Taiwan perché è molto vicina alla costa cinese. Musk ha previsto che ci sarà un punto in un “futuro non troppo lontano” in cui la forza militare cinese nella regione supererà di gran lunga quella degli Stati Uniti

“Se si vuole prendere la politica cinese alla lettera, e probabilmente si dovrebbe, verrà usata la forza per incorporare Taiwan nella Cina”. Ha poi citato la posizione del PCC secondo cui se non si riesce a raggiungere una soluzione diplomatica, “ci sarà una soluzione con la forza”.

Ha predetto che gli Stati Uniti e la Cina si stanno preparando per una “potenziale resa dei conti” nel Mar Cinese Meridionale. Secondo lui, questo è il motivo per cui gli Stati Uniti stanno limitando sempre più le esportazioni tecnologiche verso la Cina.

Musk ritiene che la Cina risponderà con sanzioni di ritorsione. Ha poi previsto sanzioni reciproche da parte dei due paesi nei prossimi anni.

Ha concluso che, sia che ci sia una soluzione diplomatica alla “riunificazione” o una soluzione non diplomatica, “(la Cina) ha chiarito che ci sarà una soluzione”.

Michael Sobolik, ricercatore di studi sull’indo-pacifico presso l’American Foreign Policy Council, mercoledì intorno alle 20:00 ha caricato un segmento dell’intervista che mostra la risposta di Musk alla domanda sulla Cina. Sobolik ha scritto che Musk affermava di avere una forte comprensione della Cina, ma paragonava erroneamente Taiwan alle Hawaii.

Sobolik ha poi criticato Musk per aver “ripetuto i punti di discussione del PCC senza menzionare gli interessi degli Stati Uniti”.

Wu ha ritwittato il post di Sobolik e ha iniziato invitando Musk a “chiedere al PCC di aprire X al suo popolo”. Riferendosi al rifiuto di Musk di consentire alle forze ucraine di utilizzare Starlink per lanciare un attacco contro le forze russe in Crimea lo scorso settembre, Wu ha detto: “Forse pensa che vietarlo sia una buona politica, come disattivare Starlink per contrastare il contrattacco dell’Ucraina contro la Russia”.

Wu ha concluso suggerendo a Musk “Ascolta” e ha dichiarato che “Taiwan non fa parte della RPC e certamente non è in vendita!”

L’ex vice consigliere per la sicurezza nazionale del vicepresidente Dick Cheney e l’esperto cinese Steve Yates hanno ritwittato il post di Sobolik mercoledì alle 21:00. Ha sottolineato che non è possibile avere una profonda comprensione della Cina semplicemente incontrando i leader del PCC nel corso degli anni.

Yates ha affermato che questo è stato “il difetto fatale di Kissinger”, che da allora è stato ripetuto da leader nazionali, aziendali, dei media e accademici negli anni successivi. Yates ha descritto il PCC come “una mafia” e ha sottolineato che “non è la Cina e Taiwan non ne fa parte”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie