Roma. 15 settembre: Giornata per la sicurezza del paziente al San Giovanni Addolorata

Per la V° Giornata Mondiale della Sicurezza dei Pazienti l’AO San Giovanni Addolorata organizza il 15 settembre il workshop “Coinvolgere il Paziente per la Sicurezza delle Cura” un Corso di formazione dedicato ai Caregiver


AgenPress. Il prossimo 17 settembre 2023 ricorre la V° Giornata Mondiale della Sicurezza dei Pazienti con il tema “Coinvolgere i pazienti per la sicurezza dei pazienti”, a riconoscimento del ruolo cruciale che pazienti, famiglie e caregiver sanitari possono svolgere per la sicurezza delle cure.  

L’AO San Giovanni Addolorata aderisce alla Giornata con una serie di iniziative volte a promuovere il coinvolgimento attivo dei pazienti, dei familiari e della comunità per migliorare la sicurezza dell’assistenza. 

Il 15 settembre si svolgerà presso la Sala Folchi dell’Azienda a partire dalle 8.30 il workshop dal titolo “Coinvolgere il Paziente per la Sicurezza della Cura”, con interventi a confronto dei principali professionisti e tecnici del Risk Management della Regione Lazio. Responsabile scientifico dell’evento Giovanna Sgarzini – Responsabile UOSD Risk Management. 

Sempre il 15 settembre si svolgerà un Corso di formazione dedicato ai Caregiver sanitari dell’Azienda, iniziativa formativa inserita nel Piano Aziendale per l’Equità (PAE), con l’obiettivo fondamentale di potenziare l’empowerment dei cittadini ed in particolare di coloro che assumono il ruolo di caregiver per l’assistenza domiciliare della persona malata fragile. Direttore del Corso Maria Pia Ruggieri, Direttore Dipartimento Emergenza Accettazione. 

Infine, dal 15 al 18 settembre la Vela del nostro Ospedale storico verrà illuminata di arancione, colore simbolo della Giornata.  

“Coinvolgere nel processo di cura i pazienti, dare voce ai loro familiari e in modo più ampio a tutti coloro che li assistono è per noi un impegno importante e imprescindibile – dichiara il Direttore Generale dell’AO San Giovanni Addolorata Tiziana Frittelli – Le evidenze scientifiche dimostrano infatti che quando i pazienti sono coinvolti nelle loro cure si ottengono migliori risultati in termini di sicurezza, di esiti e di soddisfazione dei pazienti stessi. Insieme umanizzazione e competenze, per costruire un’alleanza concreta tra ospedale, caregiver e paziente” 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie