Migranti, l’ex ministro Mauro: “L’Europa non sa dove sbattere la testa. Neanche considerata una strategia comune”

AgenPress. “Non è tanto il problema di un governo. Dobbiamo tener conto che in Africa, negli ultimi mesi, diversi sono stati i tentativi di colpo di Stato, di cui sette-otto anche riusciti. Questo determina certamente una maggiore pressione per quanto riguarda i migranti. I tentativi di accordo con la Tunisia, poi, non sembrano aver dato i frutti sperati.

A peggiorare la situazione, infine, le inondazioni in Libia e il terremoto in Marocco. Chi è al governo, oggi, deve pensare innanzitutto al contingente. La verità è che l’Europa non sa dove sbattere la testa.

Ogni Stato continua a guardare ai flussi con un occhio casalingo. Non viene neanche considerata una strategia comune, soprattutto se teniamo conto che non esiste una politica condivisa neanche sul fenomeno dell’immigrazione regolare”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie