UE. Ursula von der Leyen, indagine su auto elettriche sovvenzionate dalla Cina. Distorce il nostro mercato

AgenPress –  L’UE sta avviando un’indagine sul sostegno del governo alle auto elettriche provenienti dalla Cina. “Il prezzo di queste auto è abbassato artificialmente da ingenti sussidi statali – questo distorce il nostro mercato”.

Lo ha detto mercoledì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen al Parlamento europeo a Strasburgo. Ciò non è accettabile. I mercati mondiali sarebbero inondati di auto elettriche cinesi più economiche.

L’industria automobilistica e il passaggio alla trazione elettrica sono “un settore cruciale per un’economia pulita, con un enorme potenziale per l’Europa”, ha affermato il presidente della Commissione. Allo stesso tempo, l’UE non ha dimenticato “come le pratiche commerciali sleali della Cina abbiano influenzato la nostra industria solare”. Alcuni anni fa, molte aziende furono costrette ad uscire dal mercato dai concorrenti cinesi fortemente sovvenzionati. Ciò non dovrebbe ripetersi con l’elettromobilità.

Un’indagine antisovvenzioni può portare all’imposizione di tariffe punitive. Attualmente sono in corso misure in diversi settori economici per ridurre la dipendenza dell’UE da paesi come la Cina e per proteggere le imprese nazionali . A marzo la Commissione europea ha presentato una proposta di legge sull’approvvigionamento di materie prime. Lo scopo è garantire che l’UE non rimanga dipendente dalle importazioni di importanti materie prime da singoli paesi come la Cina.

L’Europa è aperta alla concorrenza, ma non a una corsa ineguale verso il basso, ha affermato von der Leyen. “Dobbiamo difenderci dalle pratiche sleali”. Allo stesso tempo, ha sottolineato che è essenziale restare in dialogo con la Cina. Ci sono questioni sulle quali dobbiamo lavorare insieme. Al vertice UE-Cina previsto per quest’anno, adotterà la posizione secondo cui i rischi dovrebbero essere minimizzati ma non disaccoppiati.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie