Crimea. Evento storico. A Sebastopoli colpita una nave ed un sottomarino russo. Kiev: “Non possono essere riparati”

AgenPress – La grande nave d’assalto anfibia russa  e un sottomarino colpito dai missili ucraini mentre erano in riparazione presso il cantiere navale di Sebastopoli non verranno mai rimessi in servizio.

Lo ha riferito il portavoce dell’intelligence militare ucraina Andriy Yusov.

“Sono stati inflitti danni significativi e ora possiamo dire che molto probabilmente le navi non sono recuperabili. Sì, oggi c’è una buona notizia: la distruzione della grande nave da sbarco nemica “Rostov sul Don”, così come della Kalibr “trasportavano sottomarini, il che è molto importante. Naturalmente, questa è una buona notizia per le forze di sicurezza e di difesa ucraine, per i cittadini ucraini. E oggi molti cittadini della Crimea si sono rallegrati apertamente e sinceramente quando hanno sentito tali suoni di esplosioni perché hanno capito che la smilitarizzazione della Crimea per liberare la penisola dagli invasori russi è in corso”, ha detto Yusov.

“Se una grande nave anfibia russa era stata già colpita altre volte, la distruzione di un sottomarino invece è un fatto unico destinato a passare alla storia, poiché l’Ucraina non ha capacità per combattere i sottomarini russi. Il sottomarino stesso è un obiettivo estremamente complesso poiché un attacco richiede tutta una serie di mezzi, tra cui navi antisommergibili, aerei ed elicotteri, nonché sottomarini propri. Ma in Ucraina semplicemente non esiste nulla di tutto ciò”, ha commentato Defense Express.

Intanto il portavoce dell’intelligence militare di Kiev Andriy Yusov ha affermato: “Si tratta di un danno significativo. Ora possiamo dire che, con alta probabilità, il sottomarino e la nave non possono essere ripristinati”. Nel pomeriggio la nave Minsk era ancora in fiamme, riferiscono i media ucraini postando le immagini.

La Russia ha annesso illegalmente la Crimea all’Ucraina nel 2014 e questo attacco dimostra la lotta per il controllo delle acque.

L’Ucraina ha costantemente sostenuto che il suo obiettivo finale è riconquistare la penisola e non è la prima volta che prende di mira Sebastopoli e la flotta del Mar Nero.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie