Putin: fu un errore inviare i carri armati in Ungheria e Cecoslovacchia. Dimentica la guerra contro l’Ucraina

AgenPress – Intervenendo in un forum nella Russia orientale, Vladimir Putin ha affermato che non è giusto fare qualcosa in politica estera che danneggi gli interessi di altri popoli.

Le sue osservazioni arrivano mentre le truppe russe continuano a combattere in Ucraina e Putin dimentica le atrocità e gli abusi commessi, dimentica le morti civili, la distruzione di intere città, ma, soprattutto, una invasione di un paese sovrano, l’Ucraina. 

L’Unione Sovietica invase l’Ungheria nel 1956 e la Cecoslovacchia nel 1968 in seguito a proteste di massa e richieste di maggiori libertà. Il presidente Putin ha fatto questo commento martedì al Forum economico orientale nella città russa di Vladivostok, nell’estremo oriente.

Un moderatore gli ha chiesto come avrebbe risposto a coloro che affermano che l’Unione Sovietica si è comportata come una potenza coloniale quando ha inviato carri armati a Praga nel 1968 e a Budapest nel 1956, ha risposto: “Abbiamo riconosciuto molto tempo fa che quella parte della politica sovietica era sbagliata e portava solo a tensioni nelle relazioni. Non si deve fare nulla in politica estera che sia in diretta contraddizione con gli interessi degli altri popoli”.

Putin ha continuato affermando che i paesi occidentali, in primis gli Stati Uniti, stanno ora commettendo lo stesso errore commesso allora dai sovietici. “Fanno pressione sui loro alleati, i cosiddetti partner. Non hanno amici. Hanno solo interessi. Questa è la continuazione di una formula britannica ben nota”.

“Si dovrebbe evitare di fare qualcosa nella sfera della politica estera che sia in netta contraddizione con gli interessi di altre nazioni. È proprio questo il rastrello che i Paesi leader dell’Occidente, e soprattutto gli Stati Uniti, calpestano di continuo”.

I commenti di Putin sulle azioni dell’Unione Sovietica in Ungheria e Cecoslovacchia sembrano contraddire le opinioni di alcuni all’interno della sua cerchia ristretta.

Ad agosto, un libro di storia scritto da uno dei consiglieri di Putin, Vladimir Medinsky, affermava che la rivoluzione ungherese del 1956 era stata una rivolta fascista organizzata dall’Occidente e affermava che il ritiro delle truppe sovietiche dall’Ungheria nel 1990 era stato un errore. Politici e storici ungheresi hanno criticato il libro di testo.

Szilard Demeter, direttore del Museo letterario Petofi, ha affermato che “le dittature disumane continueranno ad essere disumane e dittature, anche se qualcuno inizierà a dipingerle in una luce positiva”.

Il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha commentato: “Ci sono questioni nella storia ungherese sulle quali non inizieremo nemmeno un dibattito con nessuno. I rivoluzionari del 1956 sono i nostri eroi”.

L’Unione Sovietica era composta da 15 paesi, ma contava molti altri stati satellite, tra cui Ungheria e Cecoslovacchia, nella sua sfera di influenza.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie