Libia. Almeno 2.000 morti e 10.000 dispersi. Crollate due dighe. Spazzati via interi quartieri

AgenPressCirca 2.000 persone sono morte e 10.000 sono disperse dopo che la tempesta Daniel ha scaricato così tanta pioggia sul nord-est della Libia che due dighe sono crollate, riversando l’acqua in aree già inondate.

Tamer Ramadan, capo della delegazione della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa in Libia, ha fornito martedì il numero delle persone scomparse durante un briefing ai giornalisti a Ginevra, in Svizzera. “Il bilancio delle vittime è enorme”. 

Nella città orientale di Derna, che ha visto la peggiore devastazione, mancano circa 6.000 persone, ha detto alla televisione libica Almasar Othman Abduljalil, ministro della sanità dell’amministrazione orientale della Libia. Secondo le autorità, interi quartieri della città sarebbero stati spazzati via.

Lunedì Abduljalil ha visitato Derna. “La situazione era catastrofica… I corpi giacciono ancora in molti posti”. “Ci sono famiglie ancora bloccate nelle loro case e ci sono vittime sotto le macerie… immagino che le persone siano state trascinate in mare”.

Si teme che gli sforzi di aiuto possano essere ostacolati dalle fratture politiche in Libia, che ha visto una lotta di potere decennale tra due amministrazioni rivali.

Il governo di unità nazionale (GNU), sostenuto dalle Nazioni Unite, guidato da Abdulhamid Dbeibeh, si trova a Tripoli, nel nord-ovest della Libia, mentre il suo rivale orientale è controllato dal comandante Khalifa Haftar e dal suo Esercito nazionale libico (LNA), che sostengono il parlamento con sede a est. guidato da Osama Hamad.

Derna, che si trova a circa 300 chilometri (190 miglia) a est di Bengasi, cade sotto il controllo di Haftar e della sua amministrazione orientale.

Il crollo di due dighe sotto la pressione delle inondazioni ha fatto precipitare l’acqua verso Derna, causando danni catastrofici. 

“Tre ponti sono stati distrutti. Il flusso dell’acqua ha portato via interi quartieri, depositandoli infine in mare”, ha detto Ahmed Mismari, portavoce dell’LNA.

Le case nelle valli sono state spazzate via da forti correnti fangose ​​che trasportavano veicoli e detriti, ha detto il capo dell’autorità libica per le emergenze e le ambulanze, Osama Aly.

Le linee telefoniche in città sono interrotte, complicando gli sforzi di salvataggio, con i lavoratori incapaci di entrare a Derna a causa della pesante distruzione,

“La Libia non era preparata per una catastrofe del genere. Non ha mai assistito a un simile livello di catastrofe. Ammettiamo che ci sono state delle carenze anche se questa è la prima volta che affrontiamo una catastrofe di questo livello”, ha detto Aly al canale Al Hurra.

La tempesta sembra essere una delle più mortali mai registrate in Nord Africa.

La Libia sta affrontando una situazione “senza precedenti”, ha affermato Hamad, capo dell’amministrazione orientale, secondo un rapporto dell’organizzazione stampa statale Libyan News Agency (LANA).

Mismari, portavoce dell’LNA, ha affermato che le inondazioni hanno colpito diverse città, tra cui Al-Bayda, Al-Marj, Tobruk, Takenis, Al-Bayada e Battah, nonché la costa orientale fino a Bengasi.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie