Afghanistan. Bennett (Onu) chiede ai talebani di consentire alle donne di lavorare e gestire imprese

AgenPress – Il relatore speciale delle Nazioni Unite per l’Afghanistan, Richard Bennett, presso il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha invitato “i talebani a invertire le loro politiche draconiane e misogine e a consentire alle donne di lavorare e gestire imprese, compresa la fornitura di servizi essenziali attraverso le ONG e le Nazioni Unite”.

Intervenendo alla 54a sessione ordinaria del Consiglio per i diritti umani, Bennett ha affermato che 60.000 donne hanno perso il lavoro a causa delle recenti restrizioni del governo afghano ad interim.

“Recentemente i talebani hanno limitato ancora di più le attività delle donne. I saloni di bellezza sono stati vietati, eliminando circa 60.000 posti di lavoro e privandoli di uno dei pochi spazi sicuri rimasti per le donne”.

Nel frattempo, i rappresentanti di alcuni paesi che hanno partecipato all’incontro hanno anche espresso preoccupazione per le restrizioni imposte alle ragazze e alle donne afghane nell’accesso all’istruzione e al lavoro.

Lubna Qassim, vice rappresentante degli Emirati Arabi Uniti presso il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, ha affermato che “le significative sfide umanitarie che l’Afghanistan deve affrontare avranno un impatto negativo significativo sulla società afgana e sul suo futuro”.

Lubna Qassim, ha aggiunto che non vi è alcun progresso positivo riguardo al “divieto imposto dal governo talebano alle università, all’istruzione femminile e alla loro esclusione dalle organizzazioni lavorative e della società civile, dalle organizzazioni umanitarie nazionali e internazionali”.

Il vice rappresentante del Pakistan presso il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zaman Mehdi, ha esortato le autorità afghane di fatto “a compiere passi verso la ripresa dell’istruzione femminile” e a consentire loro di “contribuire alla società afghana” e a rispettare i diritti e la libertà di tutti. Afghani, comprese donne e ragazze.

Ha anche espresso preoccupazione per le “condizioni umanitarie, dei diritti umani e socio-economiche sempre più preoccupanti in Afghanistan”.

L’Emirato Islamico ha affermato che i diritti delle donne sono rispettati all’interno di una struttura islamica.

“L’Afghanistan è un paese islamico e noi definiamo i diritti attraverso la Sharia islamica. Anche il nostro popolo vuole quel diritto che la Sharia ha stabilito per loro. Sono sicuro che il governo al potere in Afghanistan non sta sprecando i diritti di nessuno”, ha detto Mujahid.

L’istruzione e il lavoro delle ragazze e delle donne sono i due principali temi che hanno suscitato reazioni a livello internazionale.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie